affido minori
affido minori

Napoli, 02 luglio 2021 - "Il 'Protocollo Napoli' è una discesa in campo della psicologia che si oppone al 'Protocollo Milano', più propenso al Transitional-site program, l'allontanamento del minore, e a costrutti come PAS, l'alienazione parentale. Riteniamo che quando ci sono vittime di violenza, quando il quadro probatorio protende per la violenza i giudici hanno le carte in regola per non ricorrere ad alcuna consulenza". 
Un manifesto programmatico quello che ha lanciato la psicologa Elvira Reale ieri durante il webinar sul tema 'Violenza domestica e affidamento di figli minorenni nell'ambito della Convenzione di Istanbul'. Reale, nell'ambito del confronto online tra psicologi e magistrati sul tema della violenza domestica e di quella assistita e l'affido dei minori nella cornice tracciata dalla Convenzione di Istanbul, a fronte di Ctu che utilizzano costrutti pseudoscientifici come quello dell'alienazione parentale, ha proposto "liste di consulenti specializzati e rispettosi della Convenzione di Istanbul".

La Convenzione di Istanbul, che è legge in Italia, riconosce il fenomeno della violenza sulle donne e della violenza domestica e indica gli strumenti da applicare per contrastarla e prevenirla.

Bollino rosa per i Tribunali

La psicologa ha ricordato anche "l'indignazione popolare recente per i prelievi forzosi di bambini a Pisa, e prima ancora ad Assisi. Oggi le donne hanno più difficoltà a denunciare", anche per quanto accade ai loro figli. "Sarebbe bello - ha aggiunto infine - un bollino rosa per i Tribunali a testimonianza che lì si rispetta la Convenzione di Istanbul".
L'incontro è stato introdotto da Caterina Arcidiacono dell'Università Federico II di Napoli che ha annunciato un bando, la prossima settimana, proprio di perfezionamento in materia di Ctu.