Milano, 6 settembre 2018 - La sera del Green Carpet alla Scala, che il 23 settembre chiuderà la settimana di sfilate di Milano Moda Donna, il premier Giuseppe Conte e il ministro per lo Sviluppo Economico Luigi Di Maio sono stati invitati. "E spero che vengano perché la moda è tornata ai numeri del 2008, recuperando il 30% - dice Carlo Capasa, presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana -. Non dare attenzione al settore sarebbe una follia". L'appello è forte e sincero, ancora non ci sono stati contatti col governo come sottolinea anche Cristina Tajani, assessore alla moda del Comune di Milano, e il rischio è che si torni indietro, che non si lavori più al Tavolo della Moda lanciato dai Governi Renzi e Gentiloni con investimenti sulle varie fiere e manifestazioni del Made in Italy. La richiesta di attenzione è rivolta al tessile e abbigliamento e agli accessori. Specie quelli prodotti in Italia dalle piccole e medie imprese arriva anche da Massimiliano Bizzi fondatore e presidente di White, la prestigiosa fiera che si tiene nella zona di via Tortona. "La politica non deve tacere - dice Bizzi - si deve continuare a lavorare sull'internalizzazione e sul sostegno ai giovani talenti". Per Capasa "la moda è meritocratica e impiega giovani e donne. E poi le prime 50 aziende del settore fanno il 40% del fatturato italiano, mi auguro che il governo - ha concluso il presidente di Camera Moda - capisca e rilanci, o almeno sia coerente".

Intanto dal 18 di settembre iniziano le presentazioni, le fiere e le sfilate per le collezioni femminili dell'estate 2019 fino al 24 settembre. In Calendario 60 sfilate, 80 presentazioni su appuntamento è 44 eventi, per un totale di 165 collezioni. Continua senza sosta l'impegno del Comune di Milano che mette a disposizione di Camera della Moda la Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale e lo Spazio Cavallerizze, come pure concede il patrocinio a White. 

Continua con profitto l'impegno sulla sostenibilità con la seconda edizione del Green Carpet alla Scala che potrà contare sul sostegno della maison Chopard per la realizzazione in oro etico dei premi che verranno assegnati ai protagonisti del fashion il 23 sera. Entra a far parte del partner di Cnmi anche The Woolmark Company.

Ad aprire là danze fuori calendario già il 18 settembre il defilé d'alta moda di Raffaella Curiel e la prima sfilata di Luisa Spagnoli che festeggia 90 anni.  Molto prestigioso anche il programma di White spalmato in quattro location in zona Tortona. Fiorucci ospite speciale di White

 

Un vero distretto che vede presenti 562 aziende (375 brand italiani e 187 Esteri) con le collezioni donna, sceglie Fiorucci (nelle foto) come special guest e ospita e fa sfilare per i suoi primi venti anni il marchio belga A.F. Vandervorst. Fra i nomi prestigiosi anche Forte-Forte, Fila e Ilaria Nistri. "Siamo molto cresciuti e continuiamo a crescere e andiamo nei mercati del mondo", racconta Massimiliano Bizzi che insieme al consigliere delegato di White Mario Boselli si dice molto preoccupato per la moda maschile a Milano. "Dobbiamo inventarci qualcosa di nuovo sull'Uomo" dice Bizzi che in via Tortona 31 aprira' un Fiorucci Pop Up Store aperto al pubblico durante i giorni di fiera, dal 21 al 24 settembre. 

Fiorucci ospite speciale di White