Giambattista Valli per H&M
Giambattista Valli per H&M

E' tutto rosa il mondo di Giambattista Valli per H&M e si popola di Valli Girl in abiti da sera di tulle rosso con ali d'angelo che sfilano insieme ai Valli Boy, questi ultimi per la prima volta in passerella con le loro marsine nere ricamate di ghirlande dorate come fossero Accademici di Francia. Sullo sfondo dei superbi capolavori della Galleria degli Specchi a Palazzo Doria Pamphilj a Roma, capolavoro del Rinascimento, tra le grottesche e i quadri di Bellini, Velazquez, Guido Reni e Annibale Carracci. In questa sua amatissima Roma Giambattista Valli, per gli amici solo Giamba, è voluto tornare per il suo debutto come designer di questa collezione per il colosso svedese della moda democratica, proprio lui che adottato da Parigi da tanti anni sfila sempre collezioni auliche e sofisticate, sempre molto alta moda.

Ed ecco ora in passerella questo binomio tra couture e prezzi abbordabili che sta già facendo impazzire i fan. "E' stata una sfida rendere accessibile il mio stile – racconta Giambattista Valli – e H&M mi ha dato molta libertà. Il mio è un messaggio di libertà e di inclusione e per il mio debutto al maschile ho voluto disegnare un ragazzo ecclettico ed eccentrico che si diverte a rubare i capi a lei!". Ed eccoli in passerella con lo smoking-jogging di paillettes nere, gli anfibi con le stringhe rosse, la felpa coi disegni di un quadro fiammingo che intorno al collo ha applicato un filo di perle, proprio come quelle che lo stilista da sempre porta al collo. Bellissimi gli abitiI da sera di chiffon fiorito per lei, le ecopellicce maculate, la maglieria tempestata di cristalli, gli stivaletti di pizzo, le collane di perle con la bocca scintillante che poi è l'impronta stessa di quella di Giamba.

"C'è tanta couture in questa collezione di Valli per H&M", come sottolinea Ann-Sophie Johansson creative advisor di H&M. Una collezione senza tempo e senza età, proprio come Roma dove Giamba è nato e ha lavorato per Capucci e Fendi prima di diventare l'allievo prediletto di Monsieur Ungaro e poi di spiccare il volo da solo nell'haute couture e nel pret-à-porter. "Qui i confini tra i sessi sono sfumati, c'è quella fluidità propria delle nuove generazioni, per loro il genere è una posizione mentale», conclude Valli che fa aprire e chiudere il defilè alla stupenda Kendal Jenner. In prima fila c'è Chiara Ferragni che sfoggia una parrucca bionda con frangetta.