Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Moda Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Ecco perché facciamo i selfie. E spesso non è per narcisismo

Uno studio americano ha individuato le motivazioni che ci spingono a fare selfie. E ha stabilito tre tipi di autoscatto 

Ultimo aggiornamento il 12 gennaio 2017 alle 15:18
Kim Kardashian ha fatto del selfie un'arte promozionale - foto Steve Vidler / Alamy
La febbre dei selfie contagia tutti, dai capi di stato, al papa, alla nonna. Sarebbe interessante chiedersi perché, ed è appunto ciò che hanno fatto quattro ricercatori appartenenti al Texas Tech University College e alla Brigham Young University, con uno studio sulle motivazioni psicologiche che ci spingono a ritrarci e a condividere le immagini che produciamo. I risultati possono sorprendere.

LA RICERCA
Pubblicato sulla rivista scientifica Visual Communication Quarterly, lo studio ha visto gli accademici americani condurre una ricerca di tipo quantitativo e qualitativo, esaminando volontari e sottoponendosi essi stessi a dei test per cercare di individuare quali sono gli archetipi psicologici e le motivazioni che portano le persone a fare autoscatti e a condividerli in rete. Il presupposto è che, se il selfie esiste fin da metà del diciannovesimo secolo, con gli strumenti digitali è diventato un fenomeno che eleva l'espressione di sé all'ennesima potenza, con importanti ricadute sociali.

I TRE TIPI DI SELFIE
Non si tratta di banale narcisismo, come si potrebbe pensare. Quello che ci spinge a riprenderci in ogni situazione è qualcosa di molto più complesso. Gli studiosi sono riusciti a stabilire tre tipologie di amanti dei selfie, in una sorta di ordine di coinvolgimento crescente: a utobiografi, comunicatori e venditori di se stessi.

Se l'ossessione per la propria immagine è sicuramente una componente della selfie mania, ecco che scopriamo come gli autobiografi, la tipologia più diffusa, sfruttino i selfie per raccogliere testimonianze della loro vita, come a costruire una storia per immagini che li ricordi a se stessi: niente di esibizionistico, ma una sorta di necessità di conoscersi. I comunicatori invece sembrano più alla ricerca del riscontro e della conversazione pubblica: questo tipo di profilo è quello ad esempio delle star, che cercano di stimolare nei loro follower il dibattito su un tema.

I promotori di se stessi invece, il gruppo più esiguo, sono coloro che cercano di ottenere vantaggi concreti dalla propria autoesposizione (denaro, un posto di lavoro, partner, amici, la celebrità). Anche qui troviamo il popolo dei vip: pensiamo a come e con quale successo Kim Kardashian usi lo strumento del selfie.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.