Moda

Arles, 31 maggio 2018 - Ti accompagna il canto dell'upupa e il rintocco della campane a morto nella necropoli romana di Arles. E poi sospiri e lamenti. Mentre dal tempio di Ade, re degli Inferi e delle anime, salgono vapori sontuosi e tutto intorno s'accendono e s'impennano fuochi di purificazione. Ardono i ceri da chiesa e i sarcofagi fanno da sfondo all'incredibile sfilata Gucci Cruise 2019 in cui, se ancora possibile, Alessandro Michele si è superato. Perché solo aver pensato a una simile mise en scene agli Alyscamps (Campi Elisi) cantati da Dante nel IX Canto dell'Inferno e poi da Ariosto, luogo sacro agli antichi romani, terreno di sanguinarie battaglie coi pagani e nel Settecento spazio di mirabili passeggiate e convivi per il bel mondo, è un'impresa geniale.

Centoquattordici modelli, al maschile e al femminile, escono dall'arco romanico e tra fumi e fuochi rendono affascinante e coinvolgente perfino il pensiero della morte. Una processione nell'Inferno tra parrucche alla Paolina Bonaparte e divini mondani, in mano un giglio d'argento o una maxi bag modello Jackie con su ricamato Chateau Marmont, l'hotel di Beverly Hills mecca del cinema e preferito da Alessandro.

Le vedove lussuose e lussuriose di Gucci stringono in mano le croci dei rosari, e al posto delle lacrime versano bagliori di catenelle punk per trucco. Ai piedi scarpette anni Venti e per scaldarsi lunghi mantelli rinascimentali di velluto e broccato che nella fodera interna hanno ricamati i versetti del IX Canto di Dante. Giacche da camera avvolgenti, stole da celebrante, cappelli di paglia à la paysanne in omaggio alla Provenza che ha ospitato questo ennesimo viaggio nelle meraviglie di Gucci, marchio del lusso e delle idee contemporanee nel portafoglio del Gruppo Kering presieduto da Francois Henrique Pinault dopo il defilé mano nella mano alla moglie Salma Hayek.

Soddisfattissimo il presidente e Ceo di Gucci Marco Bizzarri con la moglie Maristella, l'uomo del rilancio del marchio dal 2015 che oggi ha toccato e superato i 6 miliardi e 200.000 euro di fatturato. Bizzarri saluta molti dei 400 super invitati che alla fine del defilé hanno assistito rapiti all'esibizione di Sir Elton John con 5 pezzi da perdere la testa cantati e suonati al piano con Alessandro Michele seduto anche lui sul palco. "Elton è oggi il mio amico più caro", confida lo stilista che saluta Alessandro Borghi e Carolina Crescentini, Amanda Lear e due dei principali buyers italiani come Beppe Angiolini e Andrea Panconesi, tutta la stampa internazionale che conta per davvero e i compratori più importanti.

Una moda ricca di fascino, mistero ed opulenza per questa Cruise 2019 davvero memorabile. "Alessandro è bravissimo", dice Christian Lacroix che è nato proprio ad Arles e che nella sua moda ha profuso cultura e profumi del luogo. Il mondo immaginario dell'aldilà per Gucci è un luogo in cui la Moda sboccia, si esalta, si annulla, sprofonda e alla fine resuscita. Lasciando intatta la sua anima.

EVA DESIDERIO, inviata ad Arles

 

Sport Tech Benessere Moda Magazine