Il diamante grezzo di Vuitton
Il diamante grezzo di Vuitton

Parigi, 21 gennaio 2020 - E' un diamante unico ed eccezionale, rarissimo, intrigante e fascinoso quando lo vedi a un palmo di naso nell'astuccio di coccodrillo di Louis Vuitton e sembra somigliare a un meteorite: è il diamante da 1758 carati acquistato dalla maison di Bernard Arnault e presentato oggi durante l'haute couture e da stasera "prenotabile" dai ricconi del mondo. Vuitton ha annunciato la sua partecipazione, insieme a Lucara Diamond Corporation e HB Company di Anversa, a una collaborazione unica nella lavorazione di questo prodigio della natura, il secondo più grande diamante grezzo mai scoperto.

Il 19 aprile 2019 rimarrà un momento storico: il giorno in cui il monumentale diamante grezzo da 1758 carati, ora chiamato Sewelô, che significa "scoperta rara" in lingua Setswana, è venuto alla luce nella miniera di Karowe in Botswana al 100% di proprietà di Lucara Diamond Corp. È il secondo diamante grezzo più grande mai scoperto e il più grande ad aver mai lasciato il Botswana. Grande circa come una pallina da tennis, che misura 83 mm x 62 mm x 46 mm, pesa 352 grammi, Sewelô è il secondo diamante allo stato grezzo più grande della storia, eclissato solo dal Cullinan, a 3106 carati, scoperto in Sudafrica nel 1905, e trasformato in storici diamanti che ora sono parte della British Crown Jewels e della collezione reale.

Sewelô è anche il più eccezionale e grande diamante grezzo recuperato dall’avanguardistica miniera Karowe di Lucara in Botswana; il diamante è rimasto sorprendentemente intatto grazie al circuito high-tech XRT di Lucara, un processo di recupero altamente avanzato che evita la rottura della roccia contenente la pietra preziosa, inconveniente dei processi precedenti. L'analisi iniziale di Sewelô caratterizza la pietra come "gemma di qualità" con "prevalenza di gemma bianca di alta qualità", mentre gli studi dettagliati sulla pietra, la sua composizione, qualità e potenziale continueranno per diversi mesi. Poi ad Anversa ci vorranno quattro mesi per tagliarlo in varie carature.  

Sewelô è spettacolare non solo per le sue incredibili dimensioni ma anche per le sue caratteristiche intriganti di forma, colore, formazione e composizione. Il cristallo grezzo è in gran parte coperto da uno strato molto sottile di carbonio nero, che custodisce al suo interno i segreti di 2 miliardi di anni; l'intera portata delle variazioni di colore e chiarezza della resa del diamante è ancora sconosciuta. Questo è esattamente il tipo di estrema rarità, non convenzionale e stimolante, che attira il senso di avventura e creatività di Louis Vuitton: un esemplare di diamante straordinario, idiosincratico, un miracolo meraviglioso di Madre Natura, ipnoticamente misterioso, con le sue contraddizioni di luce e oscurità, profondità nascoste di bellezza e lucentezza, in attesa della giusta competenza e sensibilità per essere rivelato al mondo.