Giulio Colombo, ad della Manifattura Mario Colombo (QN)
Giulio Colombo, ad della Manifattura Mario Colombo (QN)

Firenze, 28 agosto 2018 - Il mondo del fashion ha tempi sempre più veloci, desideri sempre più unici, personalizzati, sorprendenti. Dopo tanta globalizzazione e lusso massificato, anche quello a più alti livelli, oggi è dunque il tempo di guardare con occhi nuovi alla moda, ai suoi significati profondi, al suo esistere come soggetto culturale che spesso ha profonde radici nell’heritage e nella tradizione di alcuni marchi che il grande pubblico riconosce e apprezza per serietà e qualità.

In questo spirito di profonda innovazione nasce il progetto “Colmar A.G.E., Advanced Garment Exploration”, non solo un acronimo, ma uno spazio dedicato alla ricerca e allo sviluppo, una camera appositamente arredata per ospitare l’art direction di talent internazionali che hanno deciso di reinterpretare il Dna e la storia del brand ridefinendone l’eredità stilistica e creando capi casual che mescolano materiali altamente innovativi e tecnologici.

Una piattaforma creativa che prenderà vita sul sito age.colmar.it, dove verranno svelate le prossime novità e verranno raccolti i contenuti prodotti nel tempo. Primo appuntamento a brevissimo, il 30 agosto, con la rivelazione del primo telentuoso ospite di Colmar A.G.E. con una collezione disponibile in un numero selezionato di punti vendita al mondo.
Elevata qualità di prodotto, libertà creativa, innovazione stilistica sono quindi le parole chiave per capire le soluzioni fashion portate dal designer chiamato a sviluppare la collezione. La visione del progetto è supercontemporanea, l’immaginazione creativa affonda le mani nelle radici del marchio italiano con un risultato inaspettato che produce capi estremamente all’avanguardia.

"Colmar A.G.E. rappresenta per Colmar un passo ulteriore nella nostra storia iniziata nel 1923, quando mio nonno Mario e mia nonna Irma hanno creato il marchio" racconta Giulio Colombo, amministratore delegato dell’azienda Manifattura Mario Colombo. "Da allora ne abbiamo fatti di passi sempre però con i piedi piantati nel nostro territorio, a Monza dove siamo nati, con l’italianità nel cuore e con la testa pronta a cogliere qualsiasi input e stimolo provenienti dall’esterno. Questo è il punto di partenza di un progetto importante e siamo molto fieri di ospitare talent di fama internazionale che ci hanno fatto l’onore di reinterpretare il brand e capi iconici della nostra storia", conclude Giulio Colombo.