Gioielli Gucci
Gioielli Gucci

Parigi, 3 luglio 2019 - La "mecca" dell'alta gioielleria firmata da Gucci è la boutique di Place Vendome al numero 16. Qui d'ora in poi, come nel sontuoso showroom dove sono già in corso favolose vendite, sarà possibile scegliere e comprare uno dei duecento pezzi della prima collezione di meraviglie di diamanti disegnata da Alessandro Michele, favoloso direttore creativo della maison presieduta da Marco Bizzarri, l'uomo dei numeri e del successo stratosferico del brand che fa capo al Gruppo Kering. Dunque da oggi a Parigi prende il via questo nuovo capitolo del lusso targato Gucci, con una collezione che rispecchia completamente la passione grandissima dello stilista per i gioielli che da bambino ammirava indosso alla nonna che spesso accompagnava negli acquisti.

Ora questi suoi ricordi e i suoi sogni di collezionista e di esteta si sono concretizzati nei bracciali Tritone, animale mitologico metà tigre metà pesce, negli anelli Solitaire con le acquamarine a forma di cuore e un serpente di brillanti che fa capolino seducente, cuori romantici trafitti da frecce di Cupido, anelli con la testa di leone che nelle fauci stringe paurosamente zaffiri e spinelli. Tutti i pezzi, molti unici che vanno da 50mila a 800mila euro, hanno certificazioni etiche per garantire la tracciabilità dell'oro e quella delle pietre preziose, specie i brillanti troppo spesso a rischi di provenire da miniere ed estrazioni "insanguinate". Questa prima collezione di alta gioielleria di Gucci non corre tali, selvaggi, pericoli e dona serenità a chi guarda questi capolavori realizzati tutti in Italia, tra Milano e Valenza.