Collezione uomo Brunello Cucinelli

Firenze, 13 giugno 2018 - "La giacca è sempre il pezzo forte del guardaroba maschile dell'uomo di oggi". Non ha dubbi Brunello Cucinelli nel raccontare la collezione uomo per l'estate 2019 nello stand affollatissimo di Pitti Uomo 94, tra la "creme" dei buyers e dei giornalisti internazionali. L'imprenditore-stilista ha dato gli ultimi tocchi a tutti i nuovi prodotti personalmente con il suo staff fino alla vigilia della fiera che sempre lo entusiasma "perchè Pitti Uomo è il salone più bello del mondo, che tutti ci invidiano", racconta il Cavaliere del Lavoro e Cavaliere di Gran Croce Cucinelli in jeans e giacca un petto e mezzo pepe e sale dai revers slanciate e grintosi.

"Il vestire sportivo-chic vince su tutto, il gusto italiano trionfa sui mercati internazionali. Noi in America stiamo avendo grandi riscontri. L'uomo spende meno della donna per vestire e ora tende a comprare un capo che lo rinnovi. Noi vendiamo il 50% della nostra produzione in Europa, il 33% in America e abbiamo fatturato nel 2017 500 milioni di euro con +11% e contiamo di ripetere le doppie cifre d'aumento anche per il 2018".

Tanti anche gli accessori, sacche da viaggio, tracolle, sciarpe, cinture e scarpe che volano nelle vendite ma Brunello Cucinelli ama concentrarsi sull'abbigliamento che è il core business dell'azienda che ha sede a Solomeo, vicino Perugia. "Voglio dedicare questa collezione a un uomo che non ha età, che è un po' stanco del solo blu e cerca i colori della pietra e della terra, quelli che affascinano gli orientali che sono molto sofisticati. Sono molto contento della nostra Italia, al di là del dibattito politico, e della nostra alta manifattura e artigianalità".