La neve a Falcade il 29 aprile (foto Ansa)
La neve a Falcade il 29 aprile (foto Ansa)

Roma, 29 aprile 2019 - Si affaccia sui siti di previsioni meteo una tendenza che se fosse confermata nei prossimi giorni sarebbe davvero clamorosa, con il ritorno della neve per il prossimo weekend a quote bassissime forse anche - dice ilMeteo.it - "in pianura". 3bmeteo.com parla di "freddo fuori stagione in vista per l'Europa". Per l'Italia - si sottolinea - "non si esclude qualche episodio di neve a bassa quota". Più netto invece ilMeteo.it che per domenica 5 maggio ipotizza fiocchi di neve o pioggia mista a neve "persino a Bologna" e comunque nevicate fino a 400-500 metri, in pratica in collina. Tutta colpa di un ciclone polare. E questo coinciderà con l'inizio del mese di maggio, quando il clima potrebbe essere invece da pieno inverno. Lo scenario viene delineato anche da Meteogiornale.it che, dopo aver illustrato gli elementi barici, scrive: "Ovviamente stiamo parlando di scenari inusuali, se eccezionali lo vedremo ma certamente inusuali. Perché farebbe freddo, più freddo di questi ultimi giorni. Perché l'instabilità potrebbe portarci precipitazioni localmente violente - visti i contrasti termici plausibili - e perché la neve potrebbe cadere addirittura a quote inferiori rispetto alle attuali". Insomma, sarà molto importante seguire l'evoluzione delle previsioni, in particolare per capire quanto il freddo sarà di portata più o meno eccezionale per il periodo.

La situazione meteo

Tornando al meteo di queste ore, dal nord Europa ha fatto il suo ingresso in Italia un impulso freddo e perturbato con conseguente formazione di un vortice invernale attualmente in azione e in viaggio dal medio Adriatico verso levante. Le negative conseguenze dal punto di vista meteorologico si registrano già su molte aree del Nord Est interessate da piogge a tratti abbondanti, le quali, colpiscono principalmente il Friuli Venezia Giulia, il Veneto, l'Emilia Romagna e i settori sud della Lombardia. Sono infatti parecchie le città del Nord Est sotto rovesci di pioggia e qualche isolato temporale, come Trieste, Venezia, Bologna, sino a Milano e Pavia. IlMeteteo.it avvisa che il forte peggioramento ha raggiunto rapidamente anche alcune zone del Centro come la Toscana con piovaschi su Firenze, l'aretino e le zone di Siena e Grosseto. Attenzione alla neve, la quale, seppur in fase di graduale attenuazione, insiste sulla parte più meridionale delle Dolomiti a tratti a quote davvero basse per il periodo, intorno a 800-900 metri. Da segnalare inoltre le basse temperature che avvolgono soprattutto le zone interessate dai fenomeni con valori ben al di sotto della media stagionale.

Il maltempo e le previsioni

Nelle prossime ore - continua il punto di ilMeteo.it - l'area più attiva del freddo maltempo concentrerà i suoi effetti ancora una volta su basso Veneto ed Emilia Romagna per poi ulteriormente estendersi al Centro fino ad alcune aree dell'Italia meridionale. Piogge e rovesci temporaleschi potranno dunque interessare la Toscana, le Marche, gran parte del Lazio con rischio di temporali anche su Roma. A scendere, sotto stretta osservazione, saranno la fascia meridionale dell'Abruzzo, il Molise e l'area garganica della Puglia, quando, specialmente nel pomeriggio, sono attesi forti temporali accompagnati da qualche locale grandinata. Interessate dalle precipitazioni la Campania fino ai settori settentrionali della Basilicata e della Calabria. Nevicate saranno possibili sull'Appennino settentrionale intorno ai 1200 metri, quote assai insolite per il periodo. Coinvolto altresì il comparto centrale seppur a quote piu' alte. In serata, il maltempo, insisterà solo sulla fascia del medio e basso Adriatico quando si avranno ancora piogge localmente importanti. IlMeteo.it avverte che da martedì la pressione tornerà ad aumentare con il ritorno del bel tempo su gran parte delle regioni, un po' di nubi si attarderanno al Nord Est al mattino, mentre nel pomeriggio dei temporali interesseranno la dorsale appenninica.

Primo maggio

Per la festa del 1 maggio si annuncia un tempo soleggiato al Nord, sulle Isole Maggiori e su tutte le coste, temporali pomeridiani diffusi invece colpiranno tutto l'Appennino centrale e meridionale e zone limitrofe.