1 dic 2021

Neve in pianura: le previsioni meteo per il ponte dell'Immacolata

Le ipotesi degli esperti, ma servono ulteriori verifiche nei prossimi giorni. Intanto nuova irruzione artica in vista. Allerta arancione in Campania, Lazio e Sardegna. La mappa di 3bmeteo

Bergamo  Piano neve con ausilio di volontari
29 Novembre 2021 ANSA RENATO DE PASCALE
Neve in pianura, l'ipotesi per il ponte dell'Immacolata (Ansa)

Roma, 1 dicembre 2021 - La tregua dal maltempo è finita. Gli esperti di previsioni meteo annunciano una nuova ondata sull'Italia. E ipotizzano neve in pianura per il ponte dell'Immacolata (ma è una tendenza che andrà verificata nei prossimi giorni). 

 Aggiornamento 4 dicembre: neve confermata in pianura: "Immacolata bianca anche a Milano e Torino"

Il peggioramento del tempo

Intanto le prossime ore: una nuova perturbazione alimentata da aria fredda e sospinta da forti venti di Libeccio raggiungerà un po' tutta Italia. IlMeteo.it informa che, per quanto riguarda la giornata di oggi 1 dicembre, il tempo peggiorerà subito sulla Sardegna con cielo coperto e isolati piovaschi, successivamente le nubi aumenteranno decise su Liguria centrale e orientale, Toscana, Lazio, Campania e coste del basso tirreno (calabresi e siciliane). Col passare delle ore le precipitazioni diventeranno più frequenti sull'alta Toscana, sullo spezzino ed entro sera su Sardegna, Lazio e Campania. Rovesci intensi e temporali in nottata interesseranno le medesime regioni mentre comincerà a piovere anche in Emilia Romagna e in Veneto.

Il meteo di giovedì 2 dicembre

Sarà domani (2 dicembre) che la perturbazione diventerà più cattiva, rilevano i meteorologi. Nubi e piogge bagneranno il Nord Est, ma si concentreranno con maggior intensità su Toscana, Lazio e Campania. Non sono da escludere nubifragi in provincia di Roma, Rieti, Frosinone, Latina e Caserta. I venti soffieranno sempre più forti da Libeccio con raffiche fino a 80 km/h e possibilità di mareggiate sulle coste tirreniche. La neve sarà diffusa sugli Appennini e in Sardegna, ma a partire dai 1.000-1.200 metri di quota, debole invece sulle Alpi del Triveneto a partire dai 7-900 metri. Le temperature rimarranno fredde al Nord con possibili gelate in pianura.

L'allerta della Protezione Civile

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata dalla Protezione civile, per la giornata di domani, allerta arancione su parte di Campania, Lazio e Sardegna e allerta gialla sui restanti settori della Campania e del Lazio, su parte della Sardegna e su settori di Calabria, Basilicata, Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Molise, Umbria e Toscana.

Il Ponte dell'Immacolata

Dopo una breve, tregua l'inverno potrebbe poi fare la voce grossa. La tendenza illustrata dagli esperti suggerisce infatti un nuovo peggioramento per il Ponte dell'Immacolata (8 dicembre) e - scrive 3bmeteo - "date le basse temperature presenti al suolo sulle regioni settentrionali, in seguito alle recenti irruzioni artiche, non è escluso che al Nord i fenomeni possano assumere carattere nevoso fino a quote molto basse, a tratti anche sulla Val Padana".

La mappa di 3bmeteo

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?