Meteo, la neve a Milano il 28 dicembre 2020 (Ansa)
Meteo, la neve a Milano il 28 dicembre 2020 (Ansa)

Roma, 1 gennaio 2021 - Guardando avanti si vede solo maltempo, con pioggia e neve (anche a bassa quota). 3bmeteo scrive che l'Italia "rimarrà coinvolta in una circolazione ciclonica piuttosto fredda, alimentata da un'ampia saccatura che stazionerà nel cuore dell'Europa ancora per diversi giorni". Perché? Colpa dell'alta pressione atlantica che "dapprima punterà verso la Lapponia, poi sulla Groenlandia, lasciando l'Europa in balia di una circolazione depressionaria fredda ad ampio raggio". La sintesi di 3bmeteo lascia poco spazio alle interpretazioni: "Quel che è certo è che almeno per i prossimi 10-12 giorni non si intravede alcuna alta pressione, con il tempo che si manterrà instabile e mediamente freddo".

Tra lunedì 4 gennaio e martedì 5 - spiega Ilmeteo.it - nuova neve a 2/300 metri al Nord Ovest. Protagonista un nuovo vortice ciclonico che porterà i fiocchi bianchi a quote collinari anche in Emilia Romagna. Anche nel giorno della Befana, il 6 gennaio, "il maltempo continuerà ad insistere, specie sulle regioni tirreniche, con rovesci frequenti, nevosi a partire dai 600 metri - scrive ilmeteo.it -. Neve copiosa inoltre su tutto l'arco alpino, fino in valle e piogge sparse invece sulla Pianura Padana".

La mappa di 3bmeteo

(L'articolo prosegue sotto alla cartina)

Il primo weekend del 2021

Ma ora un passo indietro: le previsioni meteo di domani, sabato 2 gennaio, annunciano ancora maltempo in moltissime regioni d’Italia, con neve anche in pianura. La perturbazione arrivata insieme al Capodanno non smetterà dunque di fare dispetti, dando vita a una situazione turbolenta anche nel primo weekend di questo 2021. Il team de iLMeteo.it scrive che nella giornata di sabato "il maltempo entrerà nella sua fase clou", con le correnti fredde e instabili che "daranno vita ad un vero e proprio ciclone sul mar Tirreno". Ne conseguiranno nuovi rovesci e temporali su Liguria, Sardegna, Toscana, Lazio e Campania, ma anche un allargamento delle condizioni di instabilità sul resto del Sud, dove le precipitazioni bagneranno in particolare la Sicilia orientale e i settori ionici di Calabria, Basilicata e Puglia. Al Nord continuerà a piovere in modo diffuso e a nevicare con intensità su tutto l’arco alpino, dai 500-700 metri di quota, con incursioni fino alle pianure del Piemonte. Fioccate anche sulla dorsale appenninica sopra i 1.000 metri, mentre ci sarà spazio per qualche sprazzo di sole lungo i settori adriatici del Centro.

Domenica 3 gennaio la perturbazione si allontanerà lentamente dall’Italia, lasciando però dietro di sé ancora una scia piogge sul Triveneto e su gran parte del Centro-Sud. Secondo gli esperti di 3BMeteo si osserveranno tuttavia miglioramenti accompagnati da schiarite specie su pianure lombardo piemontesi, Alpi occidentali, litorali adriatici e isole maggiori.

Giorni zona arancione e zona rossa: il calendario

Le previsioni meteo nel dettaglio di sabato 2 gennaio

Nord Ovest
Nevicate copiose sul tutto l’arco alpino fino a quote collinari, in estensione sulle pianure del Piemonte. Piogge diffuse sui restanti settori. Temperature massime: 2° a Torino e 6° a Milano.

Nord Est
Piogge e rovesci su tutte le regioni, con possibili fenomeni temporaleschi specie nel pomeriggio. Ancora neve sulle Alpi. Temperature massime: 9° a Bologna e 11° a Venezia.

Centro
Tempo molto instabile sul versante tirrenico, con rovesci e temporali su Toscana, Lazio, Umbria e Sardegna. Nevicate sugli Appennini dai 1000 metri; ritagli di sole sui litorali di Marche e Abruzzo. Temperature massime: 10° a Firenze e 12° a Roma.

Sud e Isole
Cielo coperto e precipitazioni sparse un po’ ovunque, con fenomeni più intensi (temporali e locali grandinate) su Campania e settori ionici di Calabria, Basilicata, Sicilia orientale e Puglia (qui in serata). Forti raffiche di Scirocco, con possibili mareggiate lungo le coste più esposte. Temperature massime: 13° a Napoli, 14° a Bari e 16° a Palermo.