Previsioni del tempo, temperature primaverili, ma ipotesi artiche per febbraio (iStock)
Previsioni del tempo, temperature primaverili, ma ipotesi artiche per febbraio (iStock)

Roma, 30 gennaio 2020 - Ruggito dell'inverno dopo il il 6 febbraio. Si rafforza l'ipotesi, ancora molto incerta fino a pochi giorni fa. Tutti i siti specializzati cominciano a delineare i contorni dello scenario (possibile, ma non certo). IlMeteo.it dice che "lo spostamento verso Nord dell'alta pressione potrebbe innescare un impulso gelido direttamente dal Circolo polare artico" e "potrebbe aprirsi una fase con clima molto freddo". Per gli eventuali dettagli tutto rinviato ai prossimi giorni. 3bmeteo.com conferma che un'irruzione fredda punterà l'Italia nella prossima settimana. "Si tratterà di un affondo artico anche piuttosto massiccio, ma dalla durata ancora difficile da definire. In ogni caso i suoi progetti sembrano includere anche l'Italia". Il crollo delle temperature - dicono gli esperti - potrebbe essere anche superiore ai 10 gradi. Meteogiuliacci.it dice che il modello europeo Ecmwf conferma "una possibile irruzione artica che, scendendo rapidamente di latitudine, potrebbe colpire gran parte degli stati centro meridionali europei" e "vista l’attuale traiettoria dalla colata, anche le nostre regioni verrebbero coinvolte". Insomma, si può almeno sperare nel ritorno della neve.

Giorni della merla 2020, quando sono. Perché il detto (e cosa la scienza)

Per il momento, continua a essere un inverno pazzo. Le previsioni meteo di domani, venerdì 31 gennaio, certificano ancora una volta l'attuale stabilità atmosferica, che, al netto di nuvole e pioggerelle sparse, ci sta regalando dei giorni della merla tra i più caldi di sempre. Nel weekend sembra proprio che l'anticiclone sub-tropicale causerà poi una spettacolare escalation delle temperature, che in alcuni casi schizzeranno sopra la media anche di 10 gradi.

Tornando alla giornata di venerdì, il team de IlMeteo.it avvisa che un fronte nuvoloso di provenienza atlantica "porterà una maggior ingerenza delle nubi, specialmente su Liguria, Val Padana e sulle regioni centrali". Ne scaturirà qualche debole piovasco su Levante ligure e coste settentrionali della Toscane; sul resto del Paese la spiccata instabilità si sposerà invece con un clima mediamente asciutto, che farà il paio con "generose schiarite a ridosso dei rilievi del Nord e su molte aree del Mezzogiorno". I meteorologi sottolineano che nel corso del weekend l'anticiclone Nordafricano inonderà l'Italia, avvolgendola con il suo alito caldo. I valori termici saliranno così in modo sbalorditivo: si prevede ad esempio che tra domenica 2 e lunedì 3 febbraio ci saranno 15-16° a Milano e 18° a Roma, mentre al Sud i termometri supereranno i 20 gradi.

Gli esperti di 3bmeteo aggiungono tuttavia che, nonostante il caldo anomalo, sabato e domenica non saranno giornate del tutto prive di incertezze. Un flusso umido sudoccidentale "rinnoverà qualche disturbo sulle regioni tirreniche e al Nord, con tempo umido e a tratti piovigginoso". Dovrebbero invece passarsela meglio le regioni adriatiche e quelle meridionali, baciate da un sole mite.

Le previsioni nel dettaglio di venerdì 31 gennaio

Nord Ovest
Cielo coperto accompagnato da brevi piogge sporadiche su alta Valle d'Aosta e Liguria di Levante; per il resto tempo asciutto e più soleggiato. Temperature in rialzo con 12° a Milano e Torino.

Nord Est
Nuvole sparse su tutte le regioni, con maggiori addensamenti sull'Emilia, in un contesto comunque asciutto e non privo di schiarite. Clima mite: 10° a Venezia e 12° a Bologna.

Centro
Nuvolosità diffusa su tutti i settori, con basso rischio di pioggia salvo qualche piovasco sull'alta Toscana. Soleggiato su buona parte della Sardegna. Previsti 15° a Roma e 13° a Firenze.

Sud e Isole
Più nuvoloso su Campania e Calabria tirrenica, dove non si esclude qualche sporadica goccia d'acqua. Altrove cielo sereno o non troppo nuvoloso, in presenza di temperature piacevoli. Attesi 14° a Napoli, 15° a Bari e 17° a Palermo.









In Brasile piogge violentissime: almeno una trentina i morti