Milano, 24 agosto 2018 - E' ormai certo l'impatto sull'Italia nelle prossime ore del ciclone di origine artica. Le ultime previsioni meteo ribadiscono che sarà un fine settimana di intenso maltempo sulle nostre regioni settentrionali e parte di quelle centrali. Si dovrà prestare molta attenzione. Ilmeteo.it segnala che la perturbazione raggiungerà l'Italia, provocando oltre a piogge molto forti anche un brusco calo delle temperature. Gli epserti dicono che le prime avvisaglie del maltempo si avranno già oggi, con temporali su gran parte del Nord, e il maltempo che continua ad abbattersi sulla Sicilia e la Calabria. Domani, condizioni meteo avverse al Nord e domenica anche al Centro con temporali, nubifragi, grandinate e locali trombe d'aria possibili un po' ovunque. Aria fredda sia di Maestrale sia di Bora provocherà un crollo termico di circa 15 gradi, ove più piovoso. Tornerà anche la neve sulle Alpi, sopra i 1800 metri circa.

Previsioni meteo, è allerta arancione. "Violento maltempo". Le mappe

VIDEO Maltempo, bimbo salvato da auto sommersa dall’acqua

Ilmeteo.it parla di bufere di neve sulle Alpi

Difficili le condizioni anche in mare. "Venti molto forti - dice ilmeteo.it sul sito - valicheranno le Alpi sia dalla Porta della Bora, sia dalla valle del Rodano: si potranno raggiungere addirittura raffiche fino a 100 km/h a Trieste dirette sabato notte verso Venezia e verso l’alto Adriatico domenica e poi domenica in tarda mattinata verso la Romagna". 

"Fine dell'afa al Centro Nord"

Il Centro Epson Meteo ricorda che "oltre a generare una veloce fase di diffuso maltempo, particolarmente forte al Nord tra sabato sera e domenica mattina, questo fronte temporalesco metterà fine al caldo intenso e all'afa che negli ultimi giorni ha coinvolto il Centro Nord, grazie alla massa d'aria decisamente più fresca che lo accompagna. Anche il Centro Epson indica un forte calo delle temperature soprattutto da domenica e a partire dalle regioni centro-settentrionali: al Nord il calo sarà marcato, fino a 10-15 gradi in meno nel settore di Nord-Est nell'arco di sole 48 ore, mentre al Sud la diminuzione sarà più contenuta, favorita però da un rinforzo dei venti settentrionali tra domenica e l'inizio della prossima settimana.

Scenario simile delineato anche da 3bmeteo.com

LE PREVISIONI PER SABATO - Il Centro Epson illustra i dettagli per sabato. Domani su Sardegna, sud ed est della Sicilia giornata con tempo in prevalenza soleggiato. Nel resto del Paese nuvolosità variabile, con schiarite solo temporanee, più ampie al mattino sulle regioni centrali e all'estremo Nord-Ovest. Sin dal mattino piogge, rovesci e locali temporali su Liguria centro-orientale e regioni di Nord-Est, occasionalmente anche all'estremo Sud. Nel pomeriggio aumenta il rischio di temporali su Liguria, Emilia Romagna, nord della Toscana, dell'Umbria e delle Marche; locali rovesci o isolati temporali nelle zone interne del Sud e della Sicilia settentrionale. Al Nord dal tardo pomeriggio sviluppo di una intensa linea temporalesca che, in serata e nella notte, coinvolgerà quasi tutte le regioni settentrionali con fenomeni anche violenti, associati a grandine e forti raffiche di vento, in particolare tra Liguria, Lombardia e regioni di Nord Est. Temperature massime in diminuzione a partire dal Nord, dove il calo sarà più sensibile dalla successiva notte.

"Tornerà la neve sotto i 2.000 metri"

LE PREVISIONI PER DOMENICA - La perturbazione porterà ancora maltempo al mattino nelle regioni di Nord-Est e sulla Lombardia orientale con piogge e temporali, in rapida estensione a Toscana, Umbria e Marche. Tra la notte e le prime ore della mattina quota neve in calo sulle Alpi orientali, poco sotto i 2000 metri. Nel pomeriggio tendenza a un graduale miglioramento nelle regioni di Nord Est, mentre piogge e temporali si localizzeranno soprattutto tra Romagna, Umbria, Marche e Abruzzo, in scivolamento in serata verso il Molise e la Puglia. Locali precipitazioni saranno possibili, nel corso della giornata, anche sul basso versante Tirrenico. Al Nord Ovest passaggio a tempo soleggiato dal mattino e, dal pomeriggio, anche in Sardegna. Temperature in ulteriore calo al Nord e, soprattutto, sulle regioni centrali dove perderemo fino a 5-6 gradi. Il calo più sensibile si registrerà nelle regioni di Nord Est dove, rispetto ai valori attuali, si potranno perdere anche oltre i 10 gradi. Giornata molto ventosa su mari e regioni del Centro-Sud per venti in prevalenza settentrionali, Bora sull'alto Adriatico, Tramontana in Liguria e Maestrale in Sardegna. Mari mossi o molto mossi.

LA PROSSIMA SETTIMANA - Poi tornerà il bel tempo. A inizio settimana tendenza già a un miglioramento per l'allontanamento della perturbazione verso i Balcani, con residue precipitazioni, nella prima parte di lunedì, su medio-basso Adriatico e all'estremo Sud, dove le temperature caleranno in modo più evidente. In tutto il Paese, quindi, il clima sarà temporaneamente più gradevole con temperature nella norma o leggermente al di sotto. Anche Antonio Sanò, direttore e fondatore di ilmeteo.it dice che dopo la batosta meteorologica dovuta dal passaggio della burrasca d'estate, la pressione tornerà ad aumentare su tutto il Paese, e ancora una volta potrebbe avere dei contributi dall'Africa. La nuova settimana infatti si prevede soleggiata e via via più calda su tutta Italia.