Previsioni meteo, una perturbazione rapida ma intensa alle porte dell'Italia (foto iStock)
Previsioni meteo, una perturbazione rapida ma intensa alle porte dell'Italia (foto iStock)

Milano, 21 giugno 2018 - Confermato il peggioramento del tempo, con temporali, nubifragi e grandine nelle prossime ore. Le previsioni meteo dicono che l'Anticiclone delle Azzorre, allungato verso est a occupare ampi settori dell'Europa centrale, proteggerà ancora per oggi anche le regioni settentrionali e le vicine aree del Centro, garantendo in queste zone condizioni di tempo in prevalenza stabile, soleggiato e caldo. Sul resto del Paese, invece, permarrà ancora un'atmosfera localmente instabile che favorirà lo sviluppo di rovesci e isolati temporali, soprattutto nelle ore più calde della giornata. Le temperature rimarranno quasi ovunque al di sopra della norma, specie al Centro-Nord.

Previsioni meteo, il maltempo piomba sull'Italia: forti temporali e grandine

"Piogge anche forti tra venerdì e sabato"

IL SOLSTIZIO E LA PERTURBAZIONE - I meteorologi del Centro Epson Meteo spiegano però che l'estate astronomica (alle ore 12.07 è stato il solstizio d'estate) verrà messa alla prova proprio al suo esordio da una veloce ma intensa perturbazione (la n. 4 del mese) che già alla fine della giornata farà sentire i suoi effetti, in termini di piogge e temporali anche di forte intensità, al Nord Est e, tra venerdì e sabato mattina, anche nel resto del Paese, in modo più evidente sulle regioni adriatiche e all'estremo Sud. Il suo passaggio causerà anche un marcato rinforzo del vento da nord e un brusco calo delle temperature.

IL TEMPO PEGGIORA SUBITO - Oggi tempo inizialmente soleggiato in quasi tutto il Paese. Nel corso della giornata aumento dell'instabilità con possibili temporali isolati nelle zone interne e appenniniche del Centro-Sud e delle isole maggiori, e occasionali sconfinamenti fino in costa nei settori di sud-est della Sardegna e sud della Sicilia. Al Nord aumenterà il rischio di temporali nel settore alpino centrale, su Trentino-Alto Adige e Carnia: questi temporali tra la tarda sera e la notte si estenderanno anche alle pianure e coste del Triveneto, fino a coinvolgere le Lombardia orientale. Temperature stazionarie o in lieve ulteriore aumento con picchi fino a 32-33 gradi al Centro Nord.

LE PREVISIONI PER VENERDI' - Domani al mattino una fascia temporalesca interesserà le Venezie, il nord dell'Emilia, il sud-est della Lombardia e, più marginalmente, la Liguria centro-orientale. Nel pomeriggio temporali, localmente intensi associati anche a grandine, su Prealpi orientali, sud ed est della Lombardia, Emilia Romagna, Umbria, Marche e Abruzzo; in serata anche su Molise e Puglia centro-settentrionale. Fenomeni più occasionali, sempre nel pomeriggio, su Liguria centrale e zone interne della Toscana. In serata locali rovesci lungo le Prealpi centro-occidentali, ma qualche goccia di pioggia non è esclusa anche in pianura tra Piemonte e Lombardia. La giornata risulterà invece abbastanza soleggiata nelle isole maggiori, sul versante Ionico e tra Valle d'Aosta, nord del Piemonte e della Lombardia e in Alto Adige. Temperature massime in calo anche di 4-5 gradi al Nord-Est, senza grandi variazioni altrove, con punte ancora attorno ai 30 gradi al Nord-Ovest e al Centro-Sud. Venti in generale intensificazione, moderati o localmente forti di Bora sull'alto Adriatico con raffiche a 50-60 km/h.

 

SCATTA L'ALLERTA - Scatta anche l'allerta della Protezione civile, che annuncia forti temporali da oggi pomeriggio su Lombardia e Veneto, in estensione al Friuli Venezia Giulia e, dalle prime ore di domani, a Liguria, Emilia-Romagna, Toscana, Marche, Abruzzo, Molise e, successivamente, Puglia. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Valutata allerta arancione per rischio idrogeologico sull'area costiera del Molise e allerta gialla sulla Liguria, sulla Lombardia meridionale, sul Veneto, sul settore meridionale del Friuli Venezia Giulia, sull'Emilia-Romagna, sulla Toscana, sulle Marche, su gran parte dell'Umbria, sull'Abruzzo, sulle zone dell'Appennino di Rieti e del Bacino del Medio Tevere nel Lazio, sul restante territorio del Molise, sulle aree del Tavoliere e del Gargano in Puglia.

IL MIGLIORAMENTO NEL WEEKEND - Nel fine settimana il tempo tenderà a migliorare. Sabato il fronte freddo interesserà prevalentemente il Sud, determinando ancora dei rovesci o temporali, soprattutto nella prima parte della giornata su Puglia centro-meridionale, Basilicata e nord della Calabria; nel pomeriggio ultime locali precipitazioni nel Salento e in Calabria. Nel resto del Paese il tempo sarà di nuovo più soleggiato. Temperature minime e massime in diminuzione in quasi tutte le regioni, più sensibile al Centro Nord: in Val Padana e nelle regioni adriatiche non si supereranno i 25 gradi. Le regioni più calde saranno le isole maggiori, dove si potranno ancora toccare i 30 gradi. Giornata ventosa, soprattutto nella prima parte, per venti in prevalenza da nord, nord-est.

BUONA LA DOMENICA - La tendenza per domenica vede una temporanea accentuazione dell'instabilità al Nord, in particolare attorno alle zone montuose e tra il basso Piemonte e la Liguria, dove nel pomeriggio saranno possibili brevi rovesci o isolati temporali. Nel resto del Paese la giornata sarà abbastanza soleggiata, salvo una residua instabilità nelle zone interne delle isole maggiori e sulla Calabria, dove non si escludono brevi precipitazioni. Le temperature subiranno un ulteriore lieve calo al Sud e nelle isole; in tutto il Paese i valori massimi resteranno al di sotto dei 30 gradi e in Val Padana e nelle regioni Adriatiche si farà fatica a superare i 25 gradi. Venti da nord in attenuazione.

"Giù fino a 22 gradi in diverse città del Nord"

CROLLO TERMICO - Ilmeteo.it parla di "doccia fredda" per il weekend. "L'ingresso di venti di Bora - spiegano gli esperti - porterà un crollo termico fino a 8 gradi su tutto il Nord e le regioni adriatiche centro-meridionali con valori termici che scenderanno fino a 22-23 gradi come a Torino, Milano, Venezia, Bologna, Bari e Pescara, misure sotto la media del periodo di 5 gradi".

Lettura analoga anche di 3bmeteo.com

POI ANCORA VARAIBILITA' - Nella prima parte della prossima settimana - dice il Centro Epson Meteo - l'alta pressione resterà ancora abbastanza defilata dall'Italia: l'afflusso di aria fresca settentrionale manterrà una certa variabilità al Sud e sulla Sicilia dove, tra lunedì e martedì, saranno ancora possibili locali precipitazioni. Fino a mercoledì o giovedì, inoltre, il clima resterà gradevole ovunque, con temperature in qualche caso anche inferiori alla norma, soprattutto sulle regioni Adriatiche e al Sud.

Estate, viaggi sicuri al riparo dalle infezioni

Cos'è l'apiturismo: in vacanza in mezzo alle api in Slovenia