Meteo, temporali in tutta Italia
Meteo, temporali in tutta Italia

Roma, 23 agosto 2021 - L'Italia dopo settimane di caldo africano si prepara alla prima vera crisi dell'estate. Le previsioni meteo non incoraggianti: esaurito l'anticiclone Lucifero che ha reso rovente il Ferragosto, è la volta di un vortice ciclonico che dopo aver portato maltempo sull'Europa centrale si sta avvicinando minacciosamente alla penisola. Gli effetti? Un generale calo delle temperature che scenderanno addirittura sotto la media del periodo di qualche grado e temporali in molte regioni.  Secondo le previsioni del Meteo.it già nella mattinata di oggi Veneto, Friuli Venezia Giulia, Lombardia e più diffusamente l'Emilia-Romagna saranno interessate dai primi fenomeni che nel pomeriggio scenderanno anche su Marche e Umbria. Nei prossimi giorni invece i temporali, spesso accompagnati da grandinate, scorreranno lungo le regioni adriatiche dalle Marche alla Puglia, estendendosi pure a Lazio, Toscana interna, Campania e Basilicata. Occhi quindi puntati non più sui bollettini sulle ondate di calore del Ministero della Salute dove ormai nessuna città è contrassegnata da bollino rosso o arancione, ma sull'allerta meteo della Protezione Civile. Oggi lunedì 23 agosto, allerta gialla per rischio temporali in Veneto, Marche, Umbria, gran parte dell'Emilia-Romagna e settori della Toscana.

Sommario

La mappa di 3bmeteo

(L'articolo prosegue sotto al widget)

Le previsioni per le prossime ore

Al Nord si registra un'estesa instabilità  con fenomeni sporadici sull'arco alpino e più diffusi e consistenti e a prevalente carattere temporalesco sul Triveneto al primo mattino, su Liguria e settori meridionali di Lombardia e Veneto fino alla tarda mattinata e sull'Emilia-Romagna fino al tardo pomeriggio dove saranno anche intensi. Temperature: minime in calo sull'arco alpino e in aumento su Valpadana e regioni adriatiche. Massime in decisa flessione al Nord. 

Nel Centro molte nubi in arrivo nel corso della mattinata con temporali associati, localmente intensi su Marche e meno probabili su Toscana settentrionale e aree tirreniche laziali. Minime in calo su Lazio e in aumento su regioni adriatiche e Basilicata. Massime in flessione più attenuata sulle regioni centrali. 

Al Sud: un po' di nubi al mattino sulle coste tirreniche peninsulari, ma poi cielo generalmente sereno. Minime in calo su Campania e stazionarie altrove. Massime in flessione attenuata sulle regioni centrali e Campania. In lieve aumento sul restante meridione.

Martedì 24 agosto

Temporali e piovaschi sull'arco alpino, mentre tempo migliore nelle altre zone del Nord. Instabilità con rovesci al Centro, ma tendenza a graduale miglioramento. Nubi in aumento tra Campania e alta Puglia con rovesci e temporali sparsi. Temperature in calo sia al Nord sia la Centro, mentre termometro stabile al Sud con massime comprese tra 32 e 36 gradi. 

Mercoledì 25 agosto

Temperature stabili o in lieve diminuzione in tutto il paese (tra i 24-28 gradi al Nord e in Centro e tra i 28 e i 32 al Sud). Possibilità di acquazzoni o temporali su Alpi e Prealpi così come tra l'Abruzzo e l'entroterra laziale. Instabilità anche al Sud con rovesci e temporali sparsi, meno probabili tra Calabria e Sicilia. 

Le previsioni per il weekend

Dopo un giovedì 26 agosto sostanzialmente tranquillo tra venerdì 27 e sabato 28 si rialza il rischio temporali, soprattutto al Nord e nuovamente sulla fascia adriatica. Meglio invece nel resto del paese. Le temperature rimarranno sui livelli medi della settimana, ad eccezione di alcune regioni del Sud come Sicilia Calabria dove il caldo non molla la presa.

I danni della siccità

L'arrivo dei temporali, secondo quanto afferma la Coldiretti, fa salire il conto dei danni nelle campagne in un territorio duramente provato dal caldo e dalla siccità che ha seccato la terra, scottato la frutta e la verdura, impoverito i raccolti nei campi arsi dal sole o andati a fuoco per gli incendi. I cambiamenti climatici con le precipitazioni sempre più intense e frequenti e vere e proprie bombe d'acqua si abbattono su un territorio reso più fragile dalla cementificazione e dall'abbandono e il risultato è che il 91,3% dei comuni italiani sono a rischio frane e/o alluvioni

La siccità presenta il conto: danni miliardari

La tempesta tropicale Henri ha toccato terra