Maltempo in città (iStock)
Maltempo in città (iStock)

Roma, 12 ottobre 2019 - Ottobrata agli sgoccioli. Le previsioni meteo di domani, domenica 13 ottobre, confermano il trend positivo annunciato per questo weekend, mettendo però in luce i primi segnali di indebolimento dell'anticiclone africano. Una premessa al deciso cambiamento che ci attende la prossima settimana. Le avvisaglie di maltempo si manifesteranno lunedì 14 ottobre ma il clou è previsto martedì 15 quando il Nord Ovest e  parte del Centro saranno interessati da fenomeni temporaleschi che potrebbero all'occasione presentarsi sotto forma di veri e propri nubifragi

Ultimo aggiornamento: rischio nubifragi e piccchi di caldo. Ecco dove

Analizziamo la situazione nel dettaglio. 

Caldo africano, ecco il picco 

L'alta pressione domina questa domenica d'autunno caratterizzata ancora da un caldo anomalo di provenienza africana. Il picco delle temperature, che in alcune zone delle Isole maggiori e del Sud toccheranno valori estivi, è previsto per l'inizio della settimana entrante, proprio in corrispondenza di una perturbazione che colpirà il Nord. Tra domani e lunedì la colonnina di mercurio potrebbe superare i 30°C nelle zone interne della Sardegna e della Sicilia. Contemporaneamente, spiega iLMeteo.it,  "valori molto elevati e prossimi ai 26-28°C" si registreranno "anche su parecchi tratti del Sud". Punte intorno ai 24-25°C sono attese su "molti tratti del Centro come a Roma e Firenze ad esempio".

Scendono invece le temperature al Settentrione, mitigate dalle correnti fresche e umide in arrivo dal Nord Atlantico. Nessun calo drastico: il termometro continuerà a indicare valori miti, anche sopra le medie stagionali.  

Le insidie meteo di domenica 

Come annunciavamo poco sopra, proprio nella giornata di domani assisteremo ai primi segnali di cedimento dell'anticiclone. Ancora il team de iLMeteo.it avverte che domenica "timidi refoli d'aria più umida ed instabile" di provenienza atlantica causeranno una maggiore nuvolosità sulle pianure del Nord Ovest, sulla Liguria e su alcuni tratti del Centro, specie in Toscana, Umbria e Sardegna. "Il rischio di fenomeni si manterrà comunque piuttosto basso", sebbene non si possa escludere del tutto qualche debole e locale piovasco sui settori centrali liguri. Nella pianura Padana si preannunciano inoltre nuove foschie e banchi di nebbia nelle ore mattutine.

Sulle restanti zone dell'Italia, l'alta pressione continuerà a garantire sole e cielo poco nuvoloso, in un contesto climatico più simile all'estate che all'autunno.

Pienamente d'accordo anche gli esperti di 3BMeteo, che completano il quadro segnalando un ulteriore aumento della nuvolosità su tutto il Nord e sulla fascia centrale tirrenica dalla serata di domenica. Il peggioramento è dovuto all'avvicinamento di una perturbazione atlantica che, stando ai dati attuali, spingerà lo Stivale verso una fase di maltempo già a partire da lunedì 14 ottobre.

L'articolo continua sotto la mappa

Ondata di maltempo: quando e dove

"L'impulto di aria fresca nord atlantica associato a una bassa pressione in approfondimento sul Regno Unito", manifesterà i suoi effetti gradualmente, precisa 3BMeteo.com. Perché "riesca a raggiungere con la sua parte più attiva la nostra penisola si dovrà aspettare fino a martedì". Per lunedì 14 ottobre, iLMeteo.it annuncia un "rinforzo dei venti da Sud" e "prime precipitazioni a carattere sparso su Liguria, Piemonte e Friuli Venezia Giulia". Martedì 15 ottobre il Nord Italia e parte del Centro saranno attraversati da una vera ondata di maltempo, in progressione da Ovest verso Est. "Si tratterà di una configurazione pericolosa, in quanto si verranno a creare forti contrasti termici". Il risultato saranno fernomeni "in grado di riversare al suolo ingenti quantità d'acqua, anche sotto forma di nubifragi".

Sempre iLMeteo.it circoscrive già le zone più a rischio: in un primo momento nell'occhio del ciclone ci saranno "Liguria centro-orientale, Versilia, alto Piemonte e Lombardia".  Successivamente "i fenomeni si estenderanno anche a Trentino Alto Adige, medio/alto Veneto, Friuli Venezia Giulia, Toscana e Lazio". Naturalmente attendiamo le prossime ore per confermare un quadro che è ancora in divenire. 

Meteo domenica 13 ottobre

Nord Ovest
Nubi sparse, ma ampi spazi per il sole quasi ovunque, salvo nebbie mattutine sulla Pianura Padana e maggiori addensamenti (con rischio pioggia) sulla Liguria. Massime sui 21-22° a Milano e Torino.

Nord Est
Nuvolosità diffusa su tutti i settori con prevalenza comunque di sole e clima mite. Più coperto verso sera sul Friuli-Venezia Giulia, in assenza di pioggia. Previsti 20° a Venezia e 21° a Bologna.

Centro
Nuvole in crescita nel pomeriggio lungo le coste tirreniche e sulla Sardegna. Per il resto cielo mediamente sereno, con al più foschie al mattino sulle vallate degli Appennini. Punte di 25° a Roma e Firenze.

Sud e Isole
Bel tempo su tutte le regioni, al netto di locali e innocue velature. Clima caldo con picchi anomali oltre i 30° nelle zone interne della Sicilia. Attesi 26-27° a Bari e Palermo.