Previsioni del tempo, arriva la neve a bassa quota (foto iStock)
Previsioni del tempo, arriva la neve a bassa quota (foto iStock)

Roma, 16 gennaio 2020 - E' confermato il ritorno di pioggia e neve (anche a quote medio-basse). Intanto lo smog continua a sforare i valori consentiti praticamente in tutta la Pianura Padana (e non solo), con conseguenti blocchi delle auto, perciò le previsioni meteo sono guardate con molto attenzione. In un certo senso si può dire che il ritorno delle precipitazioni segnerà la fine del 'maltempo', quello causato dall'alta pressione con nebbie e accumulo di inquinanti nei bassi strati. 

Il tempo del weekend

IlMeteo.it dice che lo spostamento verso i Balcani dell'alta pressione favorirà l'arrivo di una perturbazione nordatlantica. Il sito avvisa che il tempo comincerà a peggiorare già da domani sera con l'ingresso di venti di Libeccio sul Mar Ligure e piogge via via più diffuse sulla Liguria. Tra la notte di venerdì 17 gennaio e sabato 18 le piogge si estenderanno a tutto il Nord, alla Toscana, all'Umbria e al Lazio. Sabato il brutto tempo si sposterà e si concentrerà al Nord Est con piogge diffuse, migliorerà al Nord Ovest a partire dal Piemonte e dalla Liguria verso la Lombardia. Ancora instabile al Centro con rovesci e temporali anche a Roma e Firenze. La neve cadrà sulle Alpi a partire dai 5-700 metri, sull'Appennino emiliano dagli 800 metri, sui rilievi del Centro sopra i 900-1200 metri. Domenica 19 gennaio - spiegano gli esperti - è prevista un'irruzione di venti più freddi provenienti dai quadranti nordorientali. Il tempo migliorerà al Nord, sulle regioni centrali tirreniche e non subirà particolari variazioni al Sud. Le uniche zone d'instabilità saranno quelle adriatiche centrali dove qualche precipitazione bagnerà l'Abruzzo e il Molise con deboli nevicate a 900 metri.

Clima, gli esperti: "Molti eventi meteo estremi nel 2020"

La mappa di 3bmeteo

Milano - Bologna - Firenze - Roma

Il team annuncia per la prossima settimana un clima più freddo a causa dei venti da Nord Est, ma avvisa anche dell'arrivo di una fase di maltempo che colpirà principalmente la Sardegna e le zone ioniche. 3bmeteo spiega che "un teso flusso di correnti nordorientali taglierà lo Stivale sin dalle prime ore di lunedì" con "nevicate deboli ma a quote collinari sull'Appennino centro-settentrionale".

Meteogiornale dice inoltre che "la ferita, destinata a persistere, dovrebbe richiamare un'irruzione artica decisamente più vivace" intorno "al 24-25 gennaio, ossia subito a ridosso dei giorni più freddi dell'anno (quelli della 'merla')". Potrebbero aprirsi scenari ulteriori di nevicate a bassa quota, ma serviranno conferme, perché davanti ci sono ancora una decina di giorni.

Le previsioni meteo di venerdì 17 gennaio

Nord Ovest
Partenza mediamente nuvolosa ma asciutta, poi peggioramenti quasi ovunque dal pomeriggio, con piogge via via più diffuse, e fioccate sulle Alpi oltre i 1000 metri. Massime intorno agli 8° a Milano e Torino.

Nord Est
Tempo prevalentemente sereno, ma con nebbie in pianura e nubi in aumento nel corso della giornata. Clima non troppo freddo, con 12° a Bologna e 10° a Venezia.

Centro
Più coperto sulle Marche e lungo il Tirreno, con possibili piogge serali sull'alta Toscana e neve in alta quota sull'Appennino tosco-emiliano. Per il resto cielo soleggiato o poco nuvoloso. Previsti 11-12° a Firenze e Roma nelle ore più calde.

Sud e Isole
Prevalenza di bel tempo su tutte le regioni, salvo qualche innocua nube in transito soprattutto sul versante tirrenico. Clima mite: attesi fino a 14° a Napoli, Bari e Palermo.