Il meteo della prossima settimana: freddo e vento (foto iStock)
Il meteo della prossima settimana: freddo e vento (foto iStock)

Roma, 11 febbraio 2019 - Tra alta pressione e venti freddi, sarà una settimana più invernale, ma con poche precipitazioni nella seconda parte, in particolare al Nord. Ci sarà più tempo stabile rispetto a quanto ipotizzato nei giorni scorsi. Secondo le previsioni meteo sarà dunque una settimana di sostanziale stand by, in attesa di capire come si concluderà l'inverno. 

LA SITUAZIONE METEO - Una veloce perturbazione collegata ad un vortice di bassa pressione attualmente sui Balcani continua a condizionare negativamente il tempo su molte regioni, spiega ilmeteo.it. Secondo gli esperti ci attende una giornata all'insegna di piogge, temporali, neve e forti raffiche di vento. Ampie schiarite sono attese a Nord, mentre il tempo resterà molto più incerto, a tratti perturbato, al Centro e su parte del Sud con rovesci su Marche e Umbria e temporali su Abruzzo, Molise e nord della Campania. Meteo instabile anche sulla Puglia, la Basilicata ed i settori tirrenici della Calabria. Sole sulla Sardegna e sulla Sicilia dove, tuttavia, soffierà forte il maestrale con mari a tratti agitati. In serata migliora su tutto il centro mentre il brutto tempo insisterà sulle regioni meridionali. Antonio Sanò, direttore del sito, avvisa che "la perturbazione esaurirà la sua energia nel corso della giornata di martedì con fenomeni residui nella prima parte del giorno limitati al Salento, al sud della Calabria e sui settori centro orientali della Sicilia".

ALLERTA VENTO A MILANO - La Protezione Civile della Regione Lombardia ha emanato un avviso di criticità ordinaria (codice giallo) per vento forte a Milano. Già dal pomeriggio è previsto un intensificarsi del vento con medie tra i 30 e i 45 chilometri orari e raffiche fino a 60 chilometri orari. L'amministrazione comunale ha attivato il monitoraggio della situazione tramite la centrale operativa delle Protezione civile e della Polizia Locale. E invita le ditte che hanno cantieri aperti a "prestare particolare attenzione ai ponteggi in esterno", raccomandando a tutti i cittadini di "tenere comportamenti che possano aiutare a prevenire eventuali problemi dovuti al vento forte, come ad esempio rimuovere vasi non ancorati ai balconi o altri oggetti sospesi, ed evitare di parcheggiare le auto sotto gli alberi".

IL SOLE FINO A DOMENICA - Poi poco 'movimento'. Sempre domani la pressione aumenterà decisamente su tutto il Paese, riportando "tempo stabile e ampiamente soleggiato per molti giorni, ma anche una temporanea irruzione di aria più fredda (tra martedì e giovedì) che provocherà un calo termico soprattutto di notte, quando torneranno le gelate al Nord; 5-6 gradi in meno invece al sud (specie di giorno)".

Russia, orsi polari affamati dal cambiamento climatico assediano villaggio artico

IL TEMPO DEI PROSSIMI GIORNI - Il dettaglio delle giornate secondo Meteo Expert. Martedì 12 febbraio su Abruzzo, Molise, al Sud e in Sicilia condizioni di variabilità con alternanza di schiarite e di annuvolamenti. Locali e deboli precipitazioni più probabili tra il sud della Calabria e il nord della Sicilia, a carattere nevoso sui rilievi fin verso 800-1000 metri. Al mattino residue precipitazioni anche su Abruzzo, Molise, Puglia e Basilicata, nevose fin verso 500-600 metri circa. Nel resto del Paese cielo sereno o poco nuvoloso. Venti in attenuazione al Centro-Nord salvo ancora locali moderati rinforzi da nord nelle aree alpine, sul medio-alto Adriatico, sul Tirreno e intorno alla Sardegna; al Sud la ventilazione sarà più sostenuta specie in Puglia per forti venti di Tramontana. Mari mossi o molto mossi. Temperature minime in generale diminuzione, con la possibilità di locali debole gelate nell'estremo Nord-Ovest. Le massime subiranno un sensibile calo sul medio Adriatico, al Sud e sulla Sicilia.

TEMPERATURE GIU' - Mercoledì 13 febbraio ampie schiarite in tutto il Nord, nelle Marche, sul settore Tirrenico, fino alle coste campane, e in Sardegna. Nuvolosità sparsa e variabile nel resto del Centro Sud con qualche breve e locale precipitazione sulla Puglia centro-meridionale e nel nord-est della Calabria, nevosa a quote molto basse anche fino ai 100-300 metri. Fenomeni già in esaurimento entro fine giornata. Altra giornata ventosa per forti venti di tramontana sulle regioni meridionali e in Sicilia, fino a burrascosi tra il basso Adriatico e l'alto Ionio. L'aria fredda convogliata da questa ventilazione determinerà un clima invernale sul versante Adriatico e soprattutto al Sud con temperature sotto le medie stagionali.

Cinque laghi da visitare in tutta Italia

DOPO LA META' DI FEBBRAIO - Cosa succederà da metà mese in poi? Molto difficile dirlo al momento. Meteogiornale.it, che spesso analizza le tendenze a lungo termine, dice in un articolo sul sito che "non c'è alcun modo, al momento, di stilare un trend meteo climatico univoco. I modelli matematici di previsione continuano a mostrarci nervosismo: un giorno Alta Pressione, un giorno freddo, l'altro ancora le perturbazioni atlantiche". Ilmeteo.it dice che "secondo gli ultimi aggiornamenti dei modelli internazionali (Ecmwf) verso il 17-18 del mese" potrebbe esserci "il ritorno delle piogge e anche con i primi forti temporali". E neve sugli Appennini. Ma lo stesso sito segnala che permargoni i margini di incertezza tipi delle previsioni a medio/lungo termine. Non resta che attendere.