Il radar meteo della protezione civile, 18 gennaio 2020
Il radar meteo della protezione civile, 18 gennaio 2020

Roma, 18 gennaio 2020 - L'inverno è tornato sull'Italia, come da previsioni meteo dei giorni scorsi. Pioggia diffusa su molte regioni, dopo oltre un mese dall'ultima volta. Ed è tornata la neve, su Alpi e Appennini, con quota in calo nelle prossime ore. Un ribaltone che dovrebbe ripulire l'aria dalla smog, in particolare in Valpadana, l'area che più ha sofferto sul fronte della qualità dell'aria. Un fine settimana dunque con il brutto tempo, anche se a fasi diverse sullo Stivale.

La cartina di 3bmeteo

(L'articolo prosegue sotto alla mappa)

Le previsioni meteo per l'Europa

Le previsioni di domenica 19 gennaio

Nord Ovest

Nuvolosità diffusa su tutte le regioni, ma con basso rischio di pioggia. Nebbie mattutine nelle zone di pianura. Massime intorno tra i 6-7° a Torino e Milano.

Nord Est

Cielo abbastanza coperto con qualche locale residuo di pioggia al mattino, poi parziali schiarite e clima asciutto. Previsti 7° a Bologna e 8° a Venezia.

Centro

Tempo instabile sulla dorsale adriatica, con rovesci sparsi e nevicate oltre quota 700-900 metri. Nuvoloso con piogge serali anche in Sardegna; più sereno e asciutto altrove. Temperature in calo, con 12° a Roma e 9° a Firenze.

Sud e Isole

Nubi in generale aumento, con residui rovesci sulla Calabria ionica e qualche occasionale piovasco su Molise e Gargano. Possibili fioccate in montagna sopra i 900 metri. Attesi 13° a Bari e 15° a Palermo.

Il meteo della prossima settimana

Superato il weekend, gli esperti di 3bmeteo sottolineano che il flusso teso di correnti nordorientali taglierà l'Italia fin dalle prime ore di lunedì 20 gennaio, con riflessi soprattutto sul versante adriatico dell'Appennino. I meteorologi scrivono che "i fenomeni associati all'impulso nordorientale si concentreranno tra la Romagna e la Puglia, coinvolgendo anche la Calabria, con nevicate deboli ma a quote collinari sull'Appennino centro-settentrionale (400-600 metri), di media montagna al Sud". Più asciutto sul resto del Paese, ma con termometri in ulteriore picchiata e valori sotto la media.

I meteorologi dicono che da metà settimana in poi dovrebbe rimontare l'alta pressione, che però porterà temperature basse al Nord nelle ore notturne. Per il prossimo weekend al momento la situazione è molto incerta tra nuovi impulsi dal Nord Europa verso Sud e insidie atlantiche, spiega 3bmeteo. Ieri Meteogiornale.it, citando il Centro meteo europeo, parlava di una possibile nuova ondata fredda per il prossimo fine settimana, sottolineando comunque che si trattava di una tendenza di lungo termine. Ma anche IlMeteo.it oggi inquadra uno scenario anticiclonico da giovedì e lascia il giudizio molto in sospeso sul prossimo weekend. Insomma, l'evoluzione è piuttosto incerta: meglio attendere qualche altro giorno per indicazioni più chiare.