Meteo, neve protagonista della nuova ondata di maltempo (foto iStock)
Meteo, neve protagonista della nuova ondata di maltempo (foto iStock)

Roma, 13 novembre 2019 - Acqua alta a Venezia a livelli drammatici, piogge forti, mareggiate e trombe d'aria nel Sud Italia. Ed è solo la prima fase del maltempo. Gli esperti di previsioni meteo infatti comunicano l'arrivo di nuove ondate altrettanto dure e pericolose. E scatta già l'allerta meteo in diverse regioni. Tra venerdì e sabato il clou, si dovrà prestare molta attenzione.

Aggiornamento: venerdì allerta rossa in cinque regioni

Meteo: da qui al weekend

IlMeteo.it fa sapere che la giornata di giovedì 14 novembre si aprirà all'insegna di un tempo più soleggiato su gran parte delle regioni, a eccezione di qualche temporale previsto sulla Campania. Tra il pomeriggio e la serata però un nuovo e minaccioso vortice ciclonico raggiungerà di gran carriera il mar Ligure, alimentato da aria più fredda di origine nord-atlantica. Sarà di nuovo una situazione difficile: forti piogge e locali nubifragi si abbatteranno su Piemonte, Liguria, Val d'Aosta e, viste le basse temperature che si registreranno sul Piemonte, saranno possibili anche nevicate a quote collinari. Il maltempo si sposterà durante la notte successiva anche al Nord Est, in Sardegna e sulla Toscana ancora con piogge intense e sotto forma di locali nubifragi. Abbondanti nevicate sopra i 1200-1300 metri imbiancheranno tutte le Dolomiti. Nella giornata di venerdì 15 novembre il vortice sarà in azione al Centro Nord, in particolar modo sulle Alpi del Triveneto e sul Lazio (qui con nubifragi e piogge continue anche a Roma). Ma non sarà l'epilogo del maltempo. Nel weekend infatti l'ennesimo ciclone, che dal Nord Africa salirà rapidamente verso il mar Tirreno e quindi l'alto Adriatico, provocherà l'ennesima ondata di maltempo.

Tromba d'aria a Porto Cesareo, 'volano' le barche

Vento forte, acqua alta a Venezia

Gli esperti di Meteo Expert parlano del rischio di potenziali situazioni di criticità, non solo per le piogge ma anche per i forti venti. "Sono ben 5 le perturbazioni giunte dall'inizio del mese e altre sono previste in arrivo dall'Atlantico nei prossimi giorni", spiegano i meteorologi. Anche Meteo Expert sottolinea che "la situazione resterà compromessa fino a tutto il prossimo fine settimana poiché lo spostamento verso levante della perturbazione numero 6 sarà lento". E 3bmeteo rimarca che "ancora una volta il vento la farà da padrone: giovedì temporanea e parziale attenuazione della ventilazione, ma venerdì nuovo netto rinforzo con Scirocco e Libeccio forte un po' su tutto il Centro Sud con raffiche nuovamente superiori ai 70-80 km/h e mareggiate e purtroppo ancora acqua alta a Venezia e Chioggia".

false

La mappa di 3bmeteo

(L'articolo prosegue sotto alla cartina)

Oltre un metro di neve

3bmeteo fa anche un focus sulla neve: "In particolare tra giovedì sera e venerdì mattina - dice - potrà spingersi fino a quote collinari sul Piemonte se non a tratti in pianura su torinese e cuneese (non esclusa neve mista a pioggia a Torino giovedì sera). Neve a anche abbondante attesa in località come Cortina d’Ampezzo, Arabba, San Martino di Castrozza, Madonna di Campiglio, Ponte di Legno, Aprica, Livigno, Madesimo, Sestriere. Complessivamente gli accumuli potranno ben superare i 100-150 centimetri dai 1700-1800 metri di quota. Un po' di neve potrà interessare a tratti anche l’Appennino, specie emiliano dove i fiocchi potranno spingersi sin sotto i 1300-1400 metri", concludono da 3bmeteo.com.

Meteo. Neve, mezzo metro in Alto Adige: disagi e black out

Le app per gli appassionati di sci

Andare in bici in inverno: attrezzatura, abbigliamento e consigli utili

L'allerta meteo

Emilia Romagna

Liguria