Roma, 20 novembre 2018 - Infuria il maltempo su tutta l'Italia. A Caserta un pezzo di capitello è caduto dalla facciata sud della Reggia borbonica a causa del forte nubifragio che ha colpito la zona. La pioggia intensa, unita a grandine e fulmini, ha provocato in particolare il distacco di una porzione di foglia di acanto di un capitello che affaccia su Piazza Carlo III. L'area è stata transennata in via precauzionale. I tecnici della Reggia stanno effettuando verifiche su altri possibili rilievi lapidei danneggiati. Questo il pezzo di capitello crollato dalla Reggia: 

Il pezzo di capitello crollato dalla Reggia di Caserta

TROMBA D'ARIA A SALERNO - Il maltempo ha colpito in particolar modo la Campania, dove è ancora allerta gialla. A Salerno una tromba d'aria si è fermata, fortunatamente, al mare ma ha causato comunque il ribaltamento di alcuni container nello scalo portuale. Queste le impressionanti immagini: 

NUBIFRAGI IN IRPINIA - Violenti nubifragi si sono abbattuti su Avellino e in Irpinia. Nelle province alcuni torrenti sono straripati, come il fiume Fenestrelle. Molti gli interventi dei vigili del fuoco. A Campetto Santa Rita, un piazzale si è completamente allagato e due persone anziane e disabili sono state trascinate via dall'acqua, per poi essere salvate dai soccorritori. A Montefredane si è aperta una voragine che ha inghiottito un'auto con delle persone a bordo. Tutti sono riusciti a mettersi in salvo. Sul litorale di Pontecagnano le violente piogge hanno causato allagamenti a garage e scantinati. Scuole chiuse oggi ad Angri, Sarno, Siano, San Valentino Torio, Scafari, Cava de' Tirreni, Nocera Inferiore, Roccapiemonte, Nocera Superiore e Castel San Giorgio. Allagamenti anche nella provincia di Caserta, dove le strade sono state invase da fiumi di acqua e fango. Questa la situazione a Casapesenna:

TRENO INVESTITO DA UNA TROMBA D'ARIA NEL CROTONESE - Questa mattina una tromba d'aria ha investito il treno locale Catanzaro Lido-Crotone all'altezza della stazione di Roccabernarda, in Calabria. Le raffiche di vento hanno sbattutto violentemente i vagoni del treno, che, fortunatamente, è rimasto sui binari. Tuttavia, diversi finestrini sono andati in frantumi e alcuni passeggeri sono rimasti lievemente feriti. I pompieri sono intervenuti sul posto, insieme ai tecnici di Trenitalia, e hanno provveduto a spostare il convoglio alla stazione di Botricello (Catanzaro), in modo da liberare la linea ferrroviaria e ripristinare il transito dei treni. 

TRENO_35110749_131829

TRENO DERAGLIATO NEL SALENTO - Paura nel Salento, dove un treno è deragliato tra Parabita e Tuglie. I forti venti hanno provocato lo sradicamento di un grosso albero che, caduto sui binari della linea Casarano-Novoli, è stato quindi investito dal treno. A bordo del convoglio c'erano solo il macchinista e il capotreno, entrambi illesi. Tromba d'aria anche su Parabita che ha provocato ingenti danni a strutture private. Tetti di capannoni scoperchiati, non si segnalano feriti. Le zone più colpite sono i comuni a sud del Salento: molti gli alberti, i pali e i cavi caduti tra Collepasso e Parabita. Alberi sradicati anche a Galatina e Noha. Danni ad Alezio e alla periferia di Cavallino nella zona del parco commerciale. 

ALLAGAMENTI NEL LAZIO - Allerta arancione per rischio idrogeologico nel Lazio. Allagamenti ad Isola Sacra e Fiumicino centro. Tre persone sono riuscite a chiedere aiuto ai vigili del fuoco che li hanno salvati quando oramai la loro macchina era in balia delle acque del fiume Garigliano. È accaduto nella zona di Sant'Angelo in Theodice a Cassino, nella zona sud della provincia. Case e fattorie allagate nella Valle dei Santi e superstrada Cassino-Atina bloccata in diversi punti. Decine le richieste di intervento delle forze dell'ordine e soccorritori. 

SMOTTAMENTI NEL MOLISE - Nel Molise situazione critica nell'area industriale di Pettonarello dove l'acqua ha invaso piazzali e stabili delle aziende rendendole inaccessibili. I Vigili del Fuoco segnalano anche smottamenti sulla strada per Castelverrino. Alcune persone sono state soccorse tra Venafro e Capriati a Volturno, dove un'auto, con due passeggeri, è rimasta bloccata dall'acqua che ha invaso la strada di collegamento tra i due centri. 

SCUOLE CHIUSE IN SARDEGNA - In Sardegna l'ondata di maltempo fa meno paura, dopo il declassamento dell'allerta meteo. Ma la pioggia caduta costantemente ad Arborea ha creato nuovi disagi. Così la sindaca Manuela Pintus ha deciso di firmare per oggi l'ordinanza per la chiusura delle scuole. Nei giorni scorsi forti piogge avevano allagato campi, strade e costruzioni, causando ingenti danni e l'esondazione dello stagno di S'Ena Arrubia a ridosso di Oristano.

Neve al Nord e sugli Appennini

10 CM DI NEVE A MADONNA DI CAMPIGLIO - Intanto al Nord e sugli Appennini tosco-emiliani è la neve a creare maggiori disagi. La famosa località sciistica di Madonna di Campiglio, in provincia di Trento, si è svegliata questa mattina completamente innevata. Più di 10 cm di fiocchi bianci sono caduti tra ieri e oggi: 

NEVE NEL MUGELLO E SUGLI APPENNINI - Come da previsioni meteo, fiocchi di neve nell'Alto Mugello e sui passi appenninici. Intervenuto personale e mezzi della Protezione civile della Città metropolitana di Firenze per mettere in sicurezza la zona. Anche il monte Cimone Sestola questa mattina si sono svegliati imbiancati sotto molti centrimetri di neve. Questa la situazione: 

BORA A TRIESTE E NEVE SOPRA I 300 METRI - A Trieste la Bora soffia in modo sostenuto, con raffiche a 116 chilometri orari. Il forte vento al momento non sta causando gravi danni, ma molte le segnalazioni ai vigili del fuoco di oggetti caduti da edifici e tetti, come antenne. Le temperature si sono abbassate rapidamente. Precipitazioni a est della regione Friuli Venezia Giulia e nevicate diffuse oltre i 300 metri a Tarvisio, Forni di Sopra e Sella Nevea.

ALTA MAREA A VENEZIA - Marea sostenuta a Venezia dove stamattina è stato registrato un picco di 97 centimetri sul medio mare. Una misura classificata come "mare sostenuta" (codice giallo). Le previsioni dell'Ufficio maree comunale indicano un calo del fenomeno.