Roma, 9 agosto 2021 - Sos afa: la prossima settimana sarà la più calda dell'estate con temperature che potranno raggiungere i 47-48° C al Sud. A dirlo sono gli esperti del sito ILMeteo.it, che hanno già ribattezzato Lucifero l'anticiclone subtropicale africano responsabile dell'ondata di super calore che sta investendo l'Italia. Non ci saranno però solo le temperature a tratti eccezionali a rendere questa fiammata africana forse la più intensa della stagione, ci penserà pure la durata visto che almeno fino a Ferragosto non si intravedono segnali di cambiamento. 

Come detto, la massa d'aria in arrivo si preannuncia a dir poco rovente con la colonnina di mercurio che toccherà anche i 28/30° C a 1.500 metri di altezza (la quota che solitamente viene usata dagli esperti per valutare la massa d'aria). Nella pratica questo potrebbe tradursi in temperature massime fino a 47-48° C al Sud e sulle due isole maggiori tra martedì 10 e giovedì 12 agosto. Ma i termometri saliranno decisamente anche al Centro-Nord dove tuttavia non si toccheranno valori così elevati (fino a 38° C a Roma, Firenze, Bologna) ma ci penserà il fenomeno dell'afa a rendere il tutto ancor più insopportabile. 

Notte di San Lorenzo: data e cose da sapere sulle stelle cadenti

Bollino rosso per otto città

E sono otto le città contrassegnate con il bollino rosso che indica il massimo livello di rischio per tutta la popolazione nel bollettino sulle ondate di calore del ministero della Salute: Bari, Campobasso, Latina e Roma domani, e mercoledì anche Frosinone, Palermo, Perugia e Rieti. Altre 8 città domani sono indicate con il bollino arancione (quindi per le fasce più fragili): Bologna, Brescia, Catania e Frosinone, Latina, Palermo, Perugia e Trieste, che diventano 13 da mercoledì (Bologna, Bolzano, Brescia, Cagliari, Catania, Firenze, Messina, Milano, Napoli, Reggio Calabria, Trieste, Verona e Viterbo).

Le temperature: Roma - Milano - Torino - Firenze - Bologna - Ancona - Perugia - Bari - Napoli - Palermo - Cagliari

(L'articolo prosegue sotto al widget)

I trucchi per rendere la casa fresca

Cosa fare dunque per superare le prossime giornate se non si ha la fortuna di trovarsi in vacanza? Ecco alcuni consigli utili, pubblicati sul sito del ministero della Salute, per provare a rendere la propria casa meno torrida. 

- Schermare finestre e vetrate esposte a sud-sud ovest con tende e/o oscuranti esterni regolabili (persiane, veneziane) per non far entrare il sole. 

- Chiudere le finestre nelle ore più calde della giornata per evitare il riscaldamento delle stanze. 

- Lasciare le finestre aperte durante la notte e nelle prime ore del mattino, così da permettere il necessario ricambio d'aria. 

- Limitare l'uso del forno e di altri elettrodomestici che producono calore (fornelli, ferro da stiro, phon etc.) che tendono a riscaldare la casa. 

- Utilizzare un climatizzatore per rinfrescare l'ambiente regolando il termostato in modo tale che la temperatura ambiente sia pari a 24-26 C. Nelle aree caratterizzate principalmente da un elevato tasso di umidità, senza valori particolarmente elevati di temperatura, può essere sufficiente l'uso del deumidificatore in alternativa al condizionatore. Se si usano ventilatori non indirizzarli direttamente sulle persone, ma regolarli in modo da far circolare l'aria in tutto l'ambiente. Se la temperatura dell'ambiente e' superiore a 32 C i ventilatori sono più dannosi che utili. 

- Evitare di passare all'improvviso dal caldo al freddo e viceversa. 

- Fare bagni o docce con acqua tiepida per abbassare la temperatura corporea, evitando però bruschi sbalzi di temperatura, che possono provocare ipotermia soprattutto in bambini e anziani. 

- Assicurarsi che le persone malate e/o costrette a letto non siano troppo coperte.