Giovedì 11 Luglio 2024

Inizia la tempesta di caldo record: dove si starà peggio, cosa succede di notte e quanto dura

Temperature roventi in tutta Italia, con valori eccezionali in Sardegna e al Centro-Sud fino alla Pianura Padana. E non ne usciremo a breve...

Roma, 16 luglio 2023 - Siamo letteralmente dentro una tempesta di caldo, che inizia oggi e si protrae fino alla fine del mese, con il picco tra martedì e venerdì. E’ la terza ondata di calore dell’estate 2023, ma è la più intensa e la più lunga, perché siamo dentro all’anticiclone africano che quando arriva, fa molta fatica a lasciarci, come spiegato dal meteorologo di 3BMeteo Francesco Nucera.

Approfondisci:

Caldo record: quali sono le 23 città da bollino rosso e le temperature attese per il giorno clou

Caldo record: quali sono le 23 città da bollino rosso e le temperature attese per il giorno clou
Caldo record, ecco la tempesta di calore
Caldo record, ecco la tempesta di calore

A definire questa nuova ondata ‘tempesta di calore’ è invece ilMeteo.it, che prevede punte di caldo eccezionale in Sardegna, dove si attendono fino a 47 gradi sulle zone interne meridionali

in particolare a Decimomannu (Cagliari), in Sicilia con temperature fra 45 e 46 gradi, e in Puglia, dove a Foggia la temperatura prevista è di 45 gradi.

Ma la situazione è drammatica anche al Centro-Sud con temperature tra i 38 e i 41 gradi a Firenze, Perugia, Caserta, Bari, Catanzaro, Palermo. A Roma, prosegue iLMeteo.it, è atteso un crescendo della temperatura: dai 34-35 gradi registrati fino a ieri, oggi ha raggiunto i 37 gradi, lunedì 40 e martedì fra 42 e 43 gradi.

Approfondisci:

Caldo estremo con Caronte, sarà una settimana infernale. Tutta l’Italia da bollino rosso, picco di 48 gradi in Sardegna

Caldo estremo con Caronte, sarà una settimana infernale. Tutta l’Italia da bollino rosso, picco di 48 gradi in Sardegna

La mappa del caldo città per città

Il caldo asfissiante investirà meno il Nord, anche se riuscirà a raggiungere la Pianura Padana,  dove sono attese temperature fra 39 e 40 gradi a Bologna, Ferrara, Padova, Mantova, Pavia e Alessandria; a Milano si prevedono 37 gradi, con elevati tassi di umiditá, e caldo anche la sera “per via dell'Isola di calore urbano”, osserva il fondatore de iLMeteo.it, Antonio Sanò, con temperature di oltre 30 gradi "che potranno perdurare fino a mezzanotte”.

Approfondisci:

Lavorare nella morsa dell’afa. "In campi e cantieri si rischia. Vanno adeguati turni e vestiti"

Lavorare nella morsa dell’afa. "In campi e cantieri si rischia. Vanno adeguati turni e vestiti"

Le notti afose, con temperature che non scenderanno mai sotto i 20-24 gradi, si annunciano purtroppo una caratteristica di questa terza ondata di calore e "nelle città grandi e urbanizzate il fenomeno del rilascio del calore accumulato da strade ed edifici potrebbe portare ad avere fino ad oltre 30 gradi fin quasi mezzanotte”, osserva Sanò. Sono infine eccezionalmente caldi anche i mari, le cui acque superficiale raggiungono in alcuni casi i 30 gradi.

Ma quando finisce?

Come anticipato da 3BMeteo, questo caldo torrido potrebbe durare fino alla fine del mese, anche se è ancora presto per avere certezze a lungo termine. Tuttavia i meteorologi stanno osservando una situazione nella quale è molto probabile che l'anticiclone africano continui a stazionare sulle regioni meridionali. Le temperature potrebbero ridursi leggermente al Centro, ma restando comunque superiori alla media, mentre è probabile che al Nord rientrino nelle medie stagionali. 

Con l’anticiclone africano "si è venuta a determinare una situazione di blocco, che tende a non mutare nel medio-breve periodo”, dice all'Ansa il tenente colonnello Guido Guidi dell'Aeronautica Militare. “È probabile che nelle prossime settimane al Centro-Sud ci sia una persistenza dell'ondata da calore fino alla fine del mese, anche se con valori che tenderanno ad attenuarsi”, ha aggiunto Guidi. Al Nord l'attuale ondata di calore potrebbe cominciare ad attenuarsi fra giovedì e venerdì, salutata da qualche temporale; al Centro le temperature cominceranno ad abbassarsi fra venerdì e sabato, pur restando comunque sopra la media stagionale.