Roma, 16 agosto 2021 - Il peggio sta per passare: l'ondata di caldo si attenua. Oggi ancora sette città con livello di 'allerta 3' ('bollino rosso') sono ancora sette (Bologna, Campobasso, Firenze, Palermo, Perugia, Rieti e Roma) ma domani, martedì 17 agosto, in 'rosso' resterà solo Palermo mentre per Bari varrà l'allerta di 'livello 2' ('arancione'). Sia a Bari che a Palermo sempre domani sono previste temperature percepite massime pari a 37 gradi. Mercoledì 18, invece, nessuna allerta per le 27 città monitorate dal ministero.

Caldo, cibo fresco agli animali del bioparco di Roma (Ansa)

Le previsioni meteo annunciano dunque una boccata di ossigeno per l'Italia, che adesso però dovrà fare i conti con i temporali, che rischiano di essere violenti e accompagnati da grandine (valutata per domani allerta gialla per rischio temporali e idrogeologico sul Trentino Alto Adige centro-meridionale, su Veneto e Friuli-Venezia Giulia e Marche centro-meridionali). Con l'ingresso del Maestrale le temperature cominceranno a diminuire fino 10-12 gradi, ritornando quindi nella media del periodo dapprima al Nord e poi anche al Centro Sud.

Maltempo, muore travolto da una frana in Alto Adige 

La mappa di 3bmeteo

(L'articolo prosegue sotto al widget)

I primi temporali

Già oggi una perturbazione a carattere di fronte freddo nella giornata di oggi attraverserà l'estremo Nord del Paese, dando origine a rovesci, alcuni anche forti, soprattutto sulle aree alpine del nordest ma con sconfinamenti fino alle pianure in Lombardia e nelle Venezie. Grazie al graduale indebolimento dell'anticiclone africano l'aria più fresca che segue il fronte si propagherà gradualmente anche al resto dell'Italia ponendo termine a questa imponente ondata di caldo: le temperature - affermano i meteorologi di IconaMeteo.it - inizieranno a calare da oggi al Nord, nel settore tirrenico del Centro e nell'ovest della Sardegna ed entro la fine di mercoledì il clima diverrà meno caldo anche in Sicilia e sulle estreme regioni meridionali.

Ancora siccità

Purtroppo le elaborazioni modellistiche più aggiornate indicano che questa discesa delle temperature non sarà accompagnata da piogge significative (anche se localmente potrebbe registrarsi fenomeni intensi) nelle tante regioni italiane alle prese con il problema della siccità.

Le previsioni per martedì

Per domani, martedì 17 agosto, al mattino previsto un breve temporale nel Ravennate e tendenza a qualche rovescio a ridosso dell'Appennino marchigiano, locali addensamenti su Alpi centro-orientali, alto Adriatico, Toscana e Campania, sereno o poco nuvoloso nel resto d'Italia. Nel pomeriggio gli annuvolamenti significativi saranno per lo più concentrati nelle aree montuose con isolati rovesci o temporali in Appennino tra Romagna, Marche e Abruzzo. In serata nubi in moderato aumento sul basso settore tirrenico peninsulare, isolati piovaschi nelle Alpi orientali. Temperature: minime in calo sulla Sardegna e su buona parte del Centro Nord; massime in lieve rialzo in Sicilia e sulla Calabria con residue punte a sfiorare i 40 gradi; in calo altrove, più sensibile sulle regioni del medio e alto Adriatico e in Sardegna.

Le previsioni per mercoledì

Quanto a mercoledì 18 agosto, i venti si disporranno dai quadranti settentrionali anche sulle regioni meridionali con conseguente afflusso di aria meno calda che smorzerà finalmente anche in queste zone il caldo più intenso. Le temperature massime caleranno un po' ovunque con gli ultimi picchi intorno ai 35 gradi su Calabria e Sicilia. Al Nord Est valori localmente anche sotto i 25 gradi. La propagazione dell'aria fresca anche in quota renderà più instabile l'atmosfera nel settore peninsulare con la possibilità di locali rovesci o temporali nel settore appenninico centromeridionale, in particolare quello tra il basso Lazio e la Lucania e nelle zone collinari della Puglia. Annuvolamenti interesseranno anche i rilievi del Nord con scarso rischio di piogge mentre sul resto d'Italia prevarrà un cielo sereno o poco nuvoloso.

Il ritorno del caldo nel weekend

Dopo questa breve, ma tanto sospirata boccata di aria meno calda, l'anticiclone sub-tropicale sarà pronto a riprendersi il maltolto, diversamente da quanto ipotizzato in un primo momento, quando sembrava prendere quota l'anticiclone delle Azzorre. Da venerdì 20, ma soprattutto dal prossimo weekend le temperature torneranno a superare facilmente i 33-35 gradi su gran parte d'Italia.