Allerta meteo: maltempo in arrivo con vento forte (foto iStock)
Allerta meteo: maltempo in arrivo con vento forte (foto iStock)

Milano, 25 marzo 2019 - Le previsioni meteo lo avevano annunciato da giorni e ora sono arrivate le conferme (compresa l'allerta meteo della Protezione civile): imminente brusco peggioramento del tempo che sta per mettere in stand-by la primavera. Forte calo delle temperature da questa notte, con venti burrascosi e neve che potrà cadere anche intorno ai 700 metri e a quote collinari. 

LA DANZA DELLA PIOGGIA - Si tratta di precipitazioni attese "come manna" dagli agricoltori, soprattutto al Nord (che comunque anche in questo caso resterà ai margini) dove in molte zone non piove in modo significativo da mesi e durante l'inverno è caduto il 50% di acqua in meno. Ma per essere di sollievo la pioggia - afferma Coldiretti - deve "durare a lungo e cadere in maniera costante e non troppo intensa: i forti temporali, soprattutto con precipitazioni violente, provocano danni". A preoccupare - sottolinea l'associazione - è anche il vento che alimenta gli incendi in una situazione in cui per le anomalie climatiche e la siccità è divampato quasi un rogo al giorno in Italia dall`inizio del 2019". Dall'1 gennaio a oggi si contano ben 80 incendi con 2.348 ettari bruciati contro gli appena 4 roghi e 26 ettari devastati dello stesso periodo dell'anno scorso.

Migranti in Italia, è colpa anche del clima impazzito

AGRICOLTURA E SICCITA' - La situazione quest'anno è stata resa difficile dal caldo e dalla siccità che "hanno reso secchi i boschi, senza neve le montagne e asciutti invasi, fiumi e laghi ma sono compromesse anche le riserve nel terreno, nel momento in cui l'acqua è essenziale per le coltivazioni. In pericolo ci sono le semine primaverili di granoturco, soia, girasole, barbabietole, riso e pomodoro nei terreni aridi poiché se da un lato il 'bel tempo' ha permesso agli agricoltori di fare le lavorazioni per preparare il terreno alla semina in modo ottimale, non si può dire la stessa cosa per la germinazione dei semi, che può avvenire solo se in presenza di buona umidità del terreno".

FIUMI E LAGHI SENZ'ACQUA - Allo stato attuale nel Nord Italia - denuncia la Coldiretti - la situazione è grave come quella del 2017, uno degli anni peggiori del secolo, che ha creato difficoltà anche per gli usi civili nei centri urbani ed è costata 2 miliardi di euro in danni all'agricoltura a causa della siccità. Sul Po in magra sembra piena estate con il livello idrometrico al Ponte della Becca di -2,89 metri, come nell'agosto scorso ma anomalie si vedono anche nei grandi laghi che hanno percentuali di riempimento che vanno dal 7% del lago di Como al 14% dell'Iseo fino al 28% del Maggiore secondo l'ultimo monitoraggio.

LIGURIA - Intanto però il maltempo in arrivo preoccupa. Sono attesi forti venti fin da oggi in Liguria. Il Centro Meteo Arpal ha emanato questa mattina l'avviso per vento di burrasca forte da Nord Nord Est. Dal tardo pomeriggio di oggi, spiega l'Agenzia regionale, i venti rinforzeranno, "con locali raffiche che potranno toccare i 120 km/h". Anche il mare registrerà un moto ondoso in rapido aumento fino ad agitato o localmente molto agitato al largo. Lo scenario sarà lo stesso anche per le prime ore di domani, martedì 26 marzo; venti poi in parziale calo, ma sempre forti, nel corso della mattinata.

TOSCANA, ALLERTA ARANCIONE - Si innalza ad arancione l'allerta per rischio vento forte, attiva dalle 21 a Firenze. Lo stabilisce il nuovo bollettino di valutazione delle criticità del centro funzionale regionale. L'allerta riguarda, oltre Firenze, anche i Comuni di Bagno a Ripoli, Fiesole, Greve in Chianti, Impruneta, Lastra a Signa, Pontassieve, San Casciano in Val di Pesa, Scandicci e Tavarnelle Val di Pesa. L'allerta arancione proseguirà anche domani. Rimarranno chiuse domani le scuole di ogni ordine e grado a Livorno proprio in conseguenza dell'allerta.

EMILIA ROMAGNA - La Protezione civile regionale ha lanciato un'allerta gialla per vento nella montagna centrale (Modena, Reggio Emilia, Parma) emiliana orientale (Bologna) e romagnola (Forlì-Cesena Rimini). Nel Riminese, invece, sempre con allerta gialla, è previsto mare molto mosso, temporaneamente agitato con altezza dell'onda maggiore di 2,5 metri, nelle prime ore del giorno e di nuovo in serata.