Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
28 mar 2022

"Will Smith? Lo schiaffo ci voleva. Siamo tutte contente quando l'uomo ci difende"

Barbara Alberti: "A mio figlio ho dato un solo ceffone, mi ha ringraziato". Sul caso agli Oscar: "Non si oltraggia la malattia facendo ridere il resto del mondo"

28 mar 2022
viviana ponchia
Magazine
featured image
Barbara Alberti (Foto d'archivio)
featured image
Barbara Alberti (Foto d'archivio)

Barbara Alberti, ha mai dato un ceffone a qualcuno? "Uno solo, a mio figlio Malcom. Aveva quattro anni, lo tenevo seduto in braccio in macchina. Mi ha sputato addosso e non sono riuscita a trattenermi. Lo ha preso come un bellissimo regalo. Mi ha ringraziata. Credeva non sarebbe mai successo, evidentemente gli mancava qualcosa. Forse gli manca ancora. Infatti da adulto ha scritto una rubrica intitolata Nostalgia delle botte. Si è sempre lamentato dell’educazione soft che io e suo padre, sessantottini armati di fiori fino ai denti, gli abbiamo rifilato. Non lo menavano nemmeno se dava fuoco alla casa. Una volta successe davvero, arrivarono i pompieri e anziché rimproverarlo facemmo una festa perché ci eravamo salvati tutti". E lei le ha prese? "Da mia madre tantissimo, al tempo usava. Le generazioni le provano tutte per tirare su i figli, c’è ancora chi sbianca quando vede penzolare una cintura. Mamma non sono riuscita a perdonarla perché sentivo la gioia dell’esercizio del potere, ero umiliata e disgustata. Ma oggi capisco che le donne di allora avevano più motivi di oggi per essere isteriche, con quella vite sessuali desolate. E vedo che i bambini non si sfiorano ma vengono portati dallo psicologo come lavatrici rotte". Sarà inorridita per lo schiaffo di Will Smith alla notte degli Oscar. "Neanche un po’, lì ci voleva proprio anche se la battuta era bonaria: in fondo il presentatore ha citato Demi Moore, non una racchia. Sua moglie sarà stata comunque contenta della reazione. Siamo tutte contente quando il nostro uomo ci difende, ci piace lo slancio protettivo. In questo caso chi ha preso il ceffone scherzava su un percorso di sofferenza. Non si fa, non si oltraggia la malattia facendo ridere il resto del mondo". Quindi ci stava. "Leggiamola secondo il codice cavalleresco: quando qualcuno vuole sfidare ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?