Foto: Warner Bros.
Foto: Warner Bros.

Roma, 23 marzo 2021 - Dopo lunga gestazione, il 18 marzo 'Zack Snyder's Justice League' è uscito su Sky e Now, lasciando forse intendere ai fan che Warner Bros. fosse disponibile a realizzare rimontaggi di ogni suo film di supereroi, su tutti 'Suicide Squad' (2016). Invece no: intervistata dal magazine Variety, Ann Sarnoff, CEO di WarnerMedia Studios, ha detto che il director's cut di David Ayer è fuori discussione e che il 'Jutice League' di Snyder resta un'eccezione.

Per ripassare: 'Zack Snyder's Justice League', il film su Sky dal 18 marzo

Il director's cut di 'Suicide Squad'...

L'ipotesi di un nuovo 'Suicide Squad' aveva una sua ragione d'essere: seppure in circostanze differenti e meno drammatiche (Snyder dovette abbandonare 'Justice League' dopo il suicidio della figlia) anche David Ayer aveva sostanzialmente perso il controllo creativo del proprio film, che per una serie di scelte produttive sbagliate era stato affidato alla casa di produzione che aveva realizzato il trailer, nella speranza di renderlo più appetibile al pubblico.

... non si farà

Ann Sarnoff è però stata chiara: "Non produrremo un nuovo montaggio di David Ayer e, anche se nulla è per sempre, questa posizione è piuttosto solida". Decisione saggia, tenendo conto che il sequel 'The Suicide Squad', firmato da Jamess Gunn, è atteso nelle sale nel corso del 2021: non avrebbe senso mettergli i bastoni tra le ruote. Inoltre, bisogna considerare che 'Zack Snyder's Justice League' è nato grazie a circostanze eccezionali, vuoi per la ragione che spinse il regista a lasciare la lavorazione, vuoi per l'enorme pressione esercitata dai suoi fan. Ayer non può contare su questi fattori ed è poco avveduto per Warner Bros. lavorare a nuovi progetti continuando in parallelo a mettere in discussione quelli vecchi: denoterebbe un'indecisione e un'incapacità aziendale preoccupanti.

Insomma, come sottolineato da Ann Sarnoff il nuovo 'Justice League' ha consentito a Snyder di "completare la sua trilogia" (dopo 'L'uomo d'acciaio' e 'Batman v Superman'). Non rappresenta dunque un'apertura verso nuovi progetti, ma la chiusura di un ciclo. "Siamo felici di averlo fatto", ha commentato Sarnoff, "ma siamo molto entusiasti di tutti i piani che abbiamo messo in campo per gli sfaccettati personaggi DC e che stiamo sviluppando in questo momento".

Leggi anche:
- Jake Gyllenhaal conquista la Medal of Honor in un film sulla guerra in Afghanistan
- Emerald Fennell: da 'Promising Young Woman' alla super eroina Zatanna
- Ace Ventura 3, il film con Jim Carrey è in lavorazione