Sanremo, 13 febbraio 2019 - Virginia Raffaele sotto tiro, accusata di aver invocato Satana durante Sanremo 2019. Gli esorcisti la prendono di mira, con un duro attacco di Don Aldo Bonaiuto, della associazione Papa Giovanni XXI: "Uno scivolone sconcertante". Nella querelle interviene addirittura il ministro dell'Interno Matteo Salvini che, condividendo le preoccupazioni del sacerdote, assicura: "Non sottovalutiamo il problema delle sette sataniche con tutti i problemi connessi". Ora riavvolgiamo il nastro e cerchiamo di capire cosa è successo.

"SATANA, SATANA, SATANA" - Siamo nella terza serata del Festival, durante le prime battute Virginia Raffaele è impegnata in uno sketch con Claudio Bisio. Sul palco spunta un grammofono rotto da cui partono le note di 'Mamma' di Beniamino Gigli ("Mamma son tanto felice, perché ritorno da te..."). Il succo della gag è: lo strumento si inceppa, accelera, rallenta e di riflesso la Raffaele, stile burattino o schermo in avaria, fa altrettanto, distorcendo il suono della voce e mimando i vari cambi di ritmo. Un'interpretazione esemplare in cui la presentatrice appare come vittima di un esorcismo, tanto che lo sketch si conclude con Virginia che, all'ennesimo "inceppamento" del grammofono, con voce distorta dice "Satana" per cinque volte. E' una scena assolutamente ironica, a cui nelle prime battute non giungono reazioni di rilievo.

GLI ATTACCHI - Se non che ieri pomeriggio è proprio Don Aldo Buonaiuto, esorcista e responsabile del Servizio nazionale anti-sette, a scagliarsi contro la Raffaele sulla rivista Interris.it. Il sacerdote si appella direttamente alla presentatrice "perché chiarisca quella che apparirebbe una gag spiritosa ma poi stonata perché sembra non tenere conto della sensibilità di tante persone che soffrono a causa della presenza del maligno". E aggiunge: "Pur non comprendendo quale fosse l'intento, il ridicolizzare o, ancor più grave, inneggiare il nome di satana in prima serata su Rai Uno, penso sia stato uno scivolone sconcertante". Don Bonaiuto si rammarica che non si sia "tenuto conto della fede dei tanti cristiani che seguivano uno dei programmi più amati dagli italiani mancando così di rispetto specialmente alle tante persone che sono realmente oppresse dalle forze del male". E ancora: "Penso sia opportuno che la brava comica Virginia Raffaele spieghi il senso di questa sua esibizione e che si ritorni a riflettere sulle ripercussioni di certe scelte che non possono ritenersi apparentemente banali".

A protestare anche l'Associazione Internazionale Esorcisti che esprime "grande rammarico in merito alla puntata sanremese nella quale il richiamo esplicito a Satana, attraverso gesti e parole, evidenzia l'immagine svilita di un intrattenimento grossolano, che scherza con il dolore delle vittime".

I POLITICI - Scende in campo anche il mondo della politica con critiche bipartisan allla Raffale. Da Beppe Fioroni del Pd, passando Maurizio Gasparri di Forza Italia, fino a Lorenzo Cesa dell'Udc che parla di "giusto richiamo". Quindi il post su Facebook di Salvini che, dopo aver appoggiato le esternazione di Don Bonaiuto, spiega: "Ascoltiamo con attenzione gli esperti che ci aiutano a combattere il fenomeno". 

IL WEB - Se la Raffaele viene attaccata da più parti, il popolo della Rete sembra schierato in grande maggioranza con la conduttrice. L'hashtag #Satana è trending topic da stamane su Twitter. Tanta ironia e meme, ma anche diverse considerazioni del tipo: "L'Italia ha problemi maggiori". Oppure: "Basta, non siamo nel Medioevo". Ma c'è qualcuno che suggerisce anche la soluzione al problema, individuando gli "esperti" citati da Salvini e in grado di contrastare #Satana: "Navigator, ora tocca a voi".