La Starship, sviluppata dalla SpaceX di Elon Musk
La Starship, sviluppata dalla SpaceX di Elon Musk

Compagni di avventura spaziale cercasi. Il miliardario Yusaku Maezawa, che ha un patrimonio personale stimato di due miliardi di dollari, ha dato il via alle selezioni per individuare otto persone che lo accompagneranno nel viaggio intorno alla Luna in programma nel 2013, a bordo del razzo di prossima generazione Starship a cui sta lavorando la SpaceX di Elon Musk. Alle spese provvederà interamente il magnate giapponese, che nel 2018 ha acquistato il tutti i posti disponibili per la prima missione lunare civile, garantendosi la libertà di decidere chi portarsi dietro.

Il progetto, battezzato dearMoon, prevedeva all'inizio di individuare dai sei agli otto artisti "di professione" di tutto il mondo, che una volta tornati sulla Terra potessero creare opere d'arte ispirandosi all'esperienza di circumnavigazione del satellite, un'occasione ovviamente più unica che rara. Tuttavia, Maezawa ha appena annunciato una modifica nei criteri di selezione, in modo da coinvolgere un pubblico più ampio: la possibilità del viaggio spaziale è aperta adesso a persone di qualunque estrazione, perché "ogni persona che faccia qualcosa di creativo può essere considerata un artista".

Ha fissato però due condizioni: che i partecipanti, quale che sia la loro attività, siano convinti di poter migliorare se stessi e restituire qualcosa dell'esperienza che avranno vissuto agli altri e alla società, e che siano capaci e disposti a supportare gli altri membri della spedizione che condividono aspirazioni simili.



L'equipaggio includerà in totale dalle dieci alle dodici persone, compresi il miliardario mecenate e i suoi ospiti creativi. Il viaggio durerà sei giorni: tre per raggiungere la Luna e fare il giro e tre per tornare sulla Terra. Per inviare la propria candidatura bisogna pre-registrarsi sul sito entro il 14 marzo e attendere il responso incrociando le dita; in seguito i candidati plausibili saranno passati al vaglio e dovranno sottoporsi alle visite mediche e infine a un colloquio con Maezawa in persona. Giusto per la cronaca, ricordiamo che gli ultimi due test di volo della Starship si sono conclusi con l'esplosione dei prototipi, ma "sbagliando si impara" è uno dei capisaldi della filosofia di Elon Musk.