Api e turismo: due cose che magari non verrebbe in mente di associare, e invece l'apiturismo esiste ed è anzi una nicchia in espansione. C'è un paese in particolare, la Slovenia, che ci sta puntando con convinzione. Se siete curiosi di scoprire di cosa si tratta, probabilmente non c'è posto migliore da cui partire.

LA TERRA DELLE API
La Slovenia è il luogo di origine dell'ape carnica (Apis mellifera carnica), una varietà apprezzata dagli apicoltori di tutto il mondo per la sua mansuetudine e resistenza. Qui la tradizione del suo allevamento ha origini antichissime: risale addirittura all'Alto Medioevo, prima dell'anno Mille. Oggi in Slovenia l'ape carnica è una specie protetta e si contano cinque apicoltori ogni mille abitanti, la media più alta d'Europa: sono in totale 10mila, che si prendono cura di 16mila alveari da cui si ricavano circa duemila tonnellate di miele di primissima qualità ogni anno. Insomma, quello fra gli sloveni e le api è amore vero, legato all'identità culturale e alla conservazione dell'ambiente, e allora hanno pensato: perché non condividerlo con i visitatori?

COSA FA UN APITURISTA?
Per approfondire la materia, a Radovljica si trova l'interessante Museo dell'apicoltura, mentre il Centro di apicoltura della Slovenia, nel villaggio di Lukovica, offre l'opportunità di entrare direttamente a contatto con l'allevamento delle api. In giro per il paese ci sono poi escursioni in bici e trekking tematici, laboratori per creare candele a base di cera o dipingere gli alveari nel colorato stile tradizionale, alberghi con chalet a forma di nido d'ape, spa che offrono trattamenti di apiterapia e massaggi con il miele. Senza contare le degustazioni di prodotti gastronomici assortiti (il miele è spesso utilizzato nella cucina locale).

Per dire quanto ci tengono da queste parti, gli hotel e le altre strutture legate all'apiturismo vengono valutate e certificate non con le classiche stelline, ma con le api: da una a tre, a seconda dei servizi che offrono. Potete trovare tutte le informazioni sul sito ufficiale del turismo sloveno.

Leggi anche:
- Il sorprendente hotel di Zaha Hadid ha aperto in Cina
- C'è una città fantasma del Far West in vendita (a poco)
- Il museo della vodka ha aperto in Polonia