Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Moda Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Il 40% dei turisti italiani non rispetta la coda

Una ricerca rivela la propensione dei viaggiatori a non rispettare la fila: 2 italiani su 5 hanno provato a saltarla almeno una volta 

Ultimo aggiornamento il 22 luglio 2018 alle 12:27
Gli italiani sono fra i più inclini in Europa a saltare la fila - Foto: izusek/iStock

Gli italiani sono fra i più inclini a saltare la fila per accedere a musei e attrazioni turistiche varie. Sorpresa? Probabilmente no, anche se a quanto pare non siamo i più allergici al galateo da coda, almeno fra i viaggiatori europei. Il portale di viaggi Tripadvisor ha commissionato una ricerca (con seimila persone intervistate, mille delle quali italiane) per indagare chi è più propenso a saltare posizioni nella fila e quali sono le tecniche di sorpasso più praticate.

ITALIANI SECONDI IN CLASSIFICA
La ricerca "premia" i viaggiatosi spagnoli, il 55,7% dei quali ha confessato che almeno una volta è passato avanti a compagni di fila (o ci ha provato) con metodi poco ortodossi. Seguono appunto gli italiani con il 40,2% e i francesi distanziati di un capello, con il 39,8%. Gli inglesi confermano invece il loro proverbiale rispetto delle formalità piazzandosi ultimi con il 27,4%, sebbene fra i sudditi della regina più giovani la percentuale dei saltatori di coda sia in aumento.

ETÀ E SESSO FANNO LA DIFFERENZA
Entrando nello specifico dei comportamenti degli italiani, sono emerse differenze legate al sesso: il 44% degli uomini ha ammesso di averci provato almeno una volta, contro il 37% delle donne. Anche le reazioni nei confronti dei trasgressori sono diverse: il 49% gli uomini cerca educatamente di ricacciare i saltatori all'inizio della fila, il 57% delle donne preferisce un approccio indiretto criticando i trasgressori, ma senza azioni dirette.

L'insofferenza alla coda cresce inoltre con il diminuire dell'età: i più rispettosi sono gli over 55, l'86% dei quali non si sognerebbe mai di guadagnare posizioni a discapito degli altri, mentre solo il 46% degli intervistati nella fascia 25-34 anni ritiene il rispetto della fila un principio sacro. Per il 48% degli over 55 saltare la coda è l'espressione assoluta della maleducazione; per gli altri viaggiatori invece è "solo" un comportamento spiacevole.

LE STRATEGIE DEI SALTATORI
Fra gli italiani sono tre le tecniche preferite per superare la concorrenza: infilarsi con nonchalance in un buco della coda come se partisse da lì (il 35%), attaccare bottone con qualcuno avanti nella fila per affiancarsi a lui (33%), portarsi nelle prime posizioni con la scusa di "fare solo una domanda" e poi rimanerci con faccia di bronzo come se nulla fosse.

Leggi anche:
- Un lago rosa è comparso nel deserto dell'Australia
- Il kayak pieghevole che diventa piccolo come una valigia
- Il robot che ti assiste in aeroporto e ti accompagna al gate

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.