I taxi più cari del mondo sono quelli di Berna, Oslo e Londra - Foto: Nikada/iStock
I taxi più cari del mondo sono quelli di Berna, Oslo e Londra - Foto: Nikada/iStock
Quando ci troviamo in una città straniera che non conosciamo, spesso stiamo alla larga dai taxi per il timore di finire spennati, a volte a ragione, altre volte a torto. Un'indicazione su quello che possiamo aspettarci dal tassametro arriva da SilverDoor Apartments, un sito che si occupa di sistemazioni temporanee per businessman in viaggio di affari, che ha stilato una classifica dei costi dei taxi in cinquanta capitali di tutto il mondo.

La lista riporta il prezzo per un miglio (ossia 1,6 km) di strada percorsa, comprensivo della tariffa fissa iniziale. La fonte utilizzata da SilverDoor Apartments è Numbeo, un database che elabora statistiche sul costo della vita in base alle informazioni fornite da un'ampia base di utenti: valori quindi da non prendere come oro colato, ma comunque indicativi.

LE CITTÀ PIÙ ECONOMICHE
Stravince Il Cairo: nella capitale egiziana per viaggiare in taxi bastano 0,38 euro a miglio (che al chilometro fa 0,24 euro). Seconda Città del Messico con 0,74 euro al miglio, davanti alla medaglia di bronzo Nuova Delhi, in India, con 0,86. A chiudere il quintetto delle capitali con i taxi più economici, Bucarest con 0,95 euro e Manila, nelle Filippine, con 0,98 euro.

LE 5 CITTÀ PIÙ CARE
La maglia nera va a Berna, la capitale della Svizzera, dove i taxi in media caricano 12,05 euro al miglio. Segue Oslo con 11,84 euro: è la città con la tariffa fissa di partenza più alta, quasi 10 euro solo per avviare il tassametro. Terza fra le città più dispendiose si piazza Londra con 9,54 euro. Dietro si posizionano Tokyo (8,66 euro) e Helsinki (8,55). L'Italia compare nella metà più cara della classifica: Roma è in 35a posizione con 5,84 euro a miglio, ossia 3,65 a chilometro.


Leggi anche:
- In crociera con gli zombie (e le star) di The Walking Dead
- Le migliori compagnie aeree secondo i passeggeri
- Ecco il primo paese che vieta i selfie, per troppi decessi