Il reparto “plastic free” – Foto: A Plastic Planet/Twitter
Il reparto “plastic free” – Foto: A Plastic Planet/Twitter

L’Olanda, come spesso accade, si sta dimostrando un passo avanti a tutti: ad Amsterdam il 28 febbraio ha aperto il primo supermercato al mondo che non utilizza la plastica per gli imballaggi. L’obiettivo di questo punto vendita è fare da apripista per un’abolizione, a livello continentale, dei materiali inquinanti dedicati al confezionamento del cibo.

LA PLASTICA È VIETATA
In realtà non si tratta di un intero supermercato, bensì di un reparto all’interno di un punto vendita della catena olandese Ekoplaza. Ma si tratta comunque di una novità. L’impresa in questione vende cibo biologico e ha dedicato una vasta area del suo store di Amsterdam al “plastic free”: più di 700 prodotti di ogni tipo vengono distribuiti sfusi oppure all’interno di imballaggi realizzati con materiali compostabili, cartone, metallo o vetro. La plastica non è stata impiegata nella fabbricazione del reparto.

È SOLO L’INIZIO?
Ekoplaza, che ha raggiunto questo traguardo in collaborazione con il gruppo ambientalista A Plastic Planet, ha promesso di arricchire con reparti “plastic free” tutti i suoi 74 supermercati sparsi per l’Olanda entro la fine del 2018. Sian Sutherland, co-fondatrice della catena di alimenti bio, ha definito l’apertura del 28 febbraio un momento storico nella lotta all’inquinamento.

UN’EUROPA PIÙ VERDE
Il nastro del reparto è stato tagliato in un momento molto particolare. A gennaio l’Unione Europea ha annunciato che entro il 2030 tutti gli imballaggi di plastica dovranno essere riutilizzabili o riciclabili. Inoltre, la premier britannica Theresa May ha recentemente dichiarato guerra all’inquinamento provocato dai rifiuti: nel Regno Unito, entro il 2042, gli scarti di plastica non necessari verranno eliminati. Qualcosa evidentemente si sta muovendo e il reparto “plastic free” del supermercato olandese potrebbe rappresentare un importante risultato concreto verso un’Europa più ecologica.