La foresta di Dark Hedges, in Irlanda del Nord - Foto Stephen Emerson/Alamy
La foresta di Dark Hedges, in Irlanda del Nord - Foto Stephen Emerson/Alamy

Il bosco è da sempre un archetipo importante presente nelle culture di tutto il mondo. È un luogo avvolto dal mistero, ricco di fascino, dove è facile perdersi, ma anche possibile ritrovare se stessi. In queste cinque foreste farlo è ancora più magico e surreale. Dal Kazakhstan al Giappone, passando per Irlanda del Nord e Cina, ecco cinque boschi tra i più surreali del mondo.

FORESTA DEL LAGO DI KAINDI, KAZAKHSTAN
In kazako significa “lago delle betulle” e non è un nome dato a caso: questo specchio turchese (profondo fino a 30 metri) a 2mila metri d’altitudine sulle montagne Tian Shan è il luogo dove si trova una foresta sommersa. I tronchi degli alberi – ormai senza vita - emergono oltre la superficie dell’acqua, dando vita a un paesaggio surreale. Il lago si è originato in seguito alla frana causata da un terremoto, che ha creato una diga naturale.

LA FORESTA DEGLI ALBERI A UNCINO, POLONIA
Situata nella Pomerania occidentale, questa foresta offre uno spettacolo davvero surreale. I suoi 400 alberi, piantati intorno al 1930 quando quest’area era ancora sotto il controllo della Germania, presentano tutti una curva a uncino alla base. Si tratta di un fenomeno naturale, o la strana piega è stata indotta da chi li ha piantati? Non si conosce ancora la risposta.

THE DARK HEDGES, IRLANDA DEL NORD
Se avete visto la serie “Game of Thrones” riconoscerete di certo questo bosco sinuoso. I faggi vennero piantati nel ‘700 dalla famiglia nobile degli Stuart per stupire gli ospiti che si recavano nella loro tenuta, Gracehill House, vicino a Ballymoney. A trecento anni da allora, oggi gli alberi sono cresciuti e i loro rami si sono intrecciati creando uno spettacolo meraviglioso.

YILI, VALLE DEGLI ALBICOCCHI, CINA
Questa foresta ha qualcosa di magico tanto che potrebbe essere facilmente usata come set per un film di elfi, principesse e fate. La valle verdeggiante di 2mila ettari situata nella cittadina di Yili, nello Xinjiang (nord della Cina), ad aprile si tinge di rosa: migliaia albicocchi in fiore trasformano il paesaggio semi montano in un luogo incantato degno di una pellicola Disney.

AOKIGAHARA, GIAPPONE
Questo bosco situato alle pendici nord occidentali del Monte Fuji è avvolto da una spessa coltre di mistero. Già dal XIX secolo il luogo è noto con il nome di “foresta dei suicidi” per l’elevato numero di persone che si recano tra gli alberi di Aokigahara per togliersi la vita (nel 2010 247 persone hanno tentato il suicidio e 54 hanno portato a termine il gesto). Il film “La foresta dei sogni” (2015) di Gus Van Sant con Matthew McConaughey è stato girato proprio qui.