Tante star sul red carpet ma invisibili ai cacciatori di selfie e autografi. La Mostra di Venezia 2021, al via il primo settembre (gran finale l’11), attende tante stelle del cinema italiano e internazionale, dai protagonisti dei film di Sorrentino, Martone, fratelli D’Innocenzo e Mainetti, alo cast di Almodóvar a quello di Dune capitanato da...

Tante star sul red carpet ma invisibili ai cacciatori di selfie e autografi. La Mostra di Venezia 2021, al via il primo settembre (gran finale l’11), attende tante stelle del cinema italiano e internazionale, dai protagonisti dei film di Sorrentino, Martone, fratelli D’Innocenzo e Mainetti, alo cast di Almodóvar a quello di Dune capitanato da Timothée Chalamet (nella foto), ma pare intenzionata a non abbattere il famoso “ muro anti-Covid“ lungo il red carpet, issato lo scorso anno per evitare assembramenti di fan e curiosi lungo le transenne che costeggiano il tappeto rosso. Tutti hanno sperato fino all’ultimo che la situazione potesse essere migliore del 2020 e il muro sarebbe stato abbattuto, visto che il decreto attualmente vigente per le misure di prevenzione sanitaria scade il 30 agosto, ma con i dati di contagio delle ultime settimane – a quanto apprendono fonti di stampa – sarà davvero difficile prevedere una passerella aperta agli occhi del pubblico come prima della pandemia. Con la speranza che la situazioni migliori nettemente nei prossimi giorni, la Mostra fa comunque già parlare di sé grazie al programma kolossal di questa 78ª edizione. Secondo il direttore Alberto Barbera, grandi e belle sorprese saranno assicurate dai due film, il thriller On the job: the missing 8 del regista filippino cult Erik Matti, e l’opera sulla disumanità della guerra Reflection dell’ucraino Valentyn Vasyanovych.

Intanto ieri è uscito il trailer dell’attesissimo È stata la mano di Dio di Paolo Sorrentino, che sarà presentato al Lido il 2 per arrivare nei cinema il 24 novembre e su Netflix il 15 dicembre; nel cast, oltre al sodale di sempre di Sorrentino, Toni Servillo, tra gli altri ra gli altri Luisa Ranieri, Renato Carpentieri, Massimiliano Gallo e Enzo Decaro.