Un “presepe“ scoperto a Pompei. Sono tredici statuine di terracotta

Nel cantiere di scavo, restauro e valorizzazione della Casa di Leda a Pompei sono emerse tredici statuine di terracotta, una stanza affrescata e altri reperti che rimandano al mito di Cibele e Attis. Lo scopo è quello di mettere in sicurezza il complesso e renderlo fruibile al pubblico.

Un “presepe“ scoperto a Pompei. Sono tredici  statuine di terracotta

Un “presepe“ scoperto a Pompei. Sono tredici statuine di terracotta

Anche nell’antica Pompei si costruiva una sorta di presepe, un rito antico di omaggio agli dei con la realizzazione di scene sulle quale campeggiavano statutine di terracotta, proprio come quelle che popolano da 800 anni le immagini della Natività di Cristo. Le tredici statuine sono emerse – curiosa coincidenza proprio in vista del Natale – a Pompei da un ambiente di una domus confinante con la Casa di Leda e il cigno, dove è in corso un cantiere di scavo, restauro e valorizzazione.

Le piccole sculture di circa 15 centimetri di altezza, tra cui si riconoscono figure umane, ma anche una noce, una mandorla, la testa di un gallo in argilla e una pigna in vetro sono state rinvenute in posizione eretta su un piano orizzontale all’interno di un vano dove probabilmente si trovava uno scaffale.

Le sculture sono emerse dal lapillo ad un’altezza superiore ai due metri rispetto al piano pavimentale. L’ambiente che le conservava, probabilmente l’atrio della casa, presentava anche delle decorazioni affiorate per ora nella parte superiore delle pareti.

Dai primi studi, alcuni soggetti sembrano rimandare al mito di Cibele e Attis, connesso al ciclo vitale delle stagioni e della fertilità della terra e dunque all’equinozio di primavera.

"Siamo di fronte – è scritto nella testata online degli Scavi di Pompei – a un contesto di grande interesse che mostra momenti del racconto mitologico ma che restituisce anche ex voto che rimandano all’evocazione di precise azioni rituali".

Il cantiere in corso sta interessando ambienti già noti della Casa di Leda (messi in luce tra il 2018 e il 2019 nell’ambito dei lavori previsti dal Grande Progetto Pompei) e quelli di due domus, non meglio identificate, che si sviluppano a nord e a sud della casa di Leda.

Durante la fase di rimozione delle terre ancora presenti in alcuni ambienti della Casa di Leda, al fine di raggiungere il livello del piano pavimentale, è inoltre emersa una stanza finemente affrescata dove spiccano quattro tondi con volti femminili di raffinata eleganza.

Lo scavo è finalizzato alla messa in sicurezza dei fronti di scavo (perimetro tra strutture già in luce e aree non scavate) e alla salvaguardia e alla conservazione degli apparati decorativi, in vista anche della pubblica fruizione del complesso.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro