Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
14 apr 2022

"Murale con i nudi all'università. La mia ultima trasgressione". Intervista a Milo Manara

Un’opera di 200 metri quadri all’Istituto di anatomia a Padova: "Unica raccomandazione? La par condicio dei sessi"

14 apr 2022
piero degli antoni
Magazine
featured image
Un particolare del murale
featured image
Un particolare del murale

Milo Manara, lei ha affrescato i muri delle scale dell’Istituto di anatomia di Padova. Come è nata l’iniziativa? "Me l’ha proposto l’ateneo, per festeggiare i 100 anni di fondazione dell’Istituto. Per fortuna adesso c’è una tecnica innovativa che permette di avere la stessa resa dell’affresco senza farlo direttamente sulla parete, altrimenti sono più di 200 metri quadri! Mi veniva in mente quello spot che diceva: ‘Per dipingere una parete grande ci vuole un pennello grande’, ma qui sarebbe stato molto difficile trovare dei pennelli abbastanza grandi.Io ho potuto lavorare su dimensioni più accessibili, poi ho mandato un file ad altissima definizione, successivamente stampato su una pellicola. La pellicola viene attaccata sul muro, tirata via, e l’affresco resta sulla parete. Il dipinto, sia visivamente che tattilmente, è un autentico affresco, un muro colorato. In tutto ho impiegato 4-5 mesi". A quali temi si è ispirato? "Trattandosi dell’anatomia, ho rappresentato quella frase meravigliosa ‘Mors ubi gaudet succurrere vitae’, cioè in questo luogo la morte è lieta di soccorrere la vita’, dove c’è la porta che dà sugli obitori, con i corpi donati alla scienza. Sulla parete successiva mi sono ispirato al frontespizio del primo libro di anatomia dell’epoca, cinquecentesco. Sull’ultima parete ho illustrato lo scopo dell’università: ho messo al centro il teatro anatomico, il più antico del mondo, da cui partono i giovani studenti che se ne vanno per il mondo per eseguire la loro missione". Accanto alla scritta che lei ha citato, ha rappresentato, nuda, una delle sue ragazze ormai entrate nell’immaginario collettivo. Anche questo affresco si ricollega in qualche modo alla tradizione delle sue storie? "Sul piano visivo sì, in realtà si tratta di un’allegoria, che si usa moltissimo in pittura. Per esempio: se dipingo un cuore non intendo il muscolo cardiaco ma l’amore. Io dovevo disegnare un dialogo tra ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?