18 gen 2022

Un Caravaggio unico: sfida tra Gates e il Sultano

Oggi i miliardari si contenderanno all’asta il Casino dell’Aurora, la dimora romana che custodisce il solo affresco al mondo del Merisi

silvia gigli
Magazine
Un particolare dell’opera di Caravaggio nel Casino dell’Aurora: è il suo unico affresco
Un particolare dell’opera di Caravaggio nel Casino dell’Aurora: è il suo unico affresco
Un particolare dell’opera di Caravaggio nel Casino dell’Aurora: è il suo unico affresco

di Silvia Gigli È già stata definita “l’asta del secolo”. A contendersi il Casino dell’Aurora di Villa Ludivisi, a Roma, oggi alle 15 e per 24 ore saranno i miliardari più celebri del mondo, da Bill Gates (che, dopo aver rinunciato al Danieli, è diventato socio di maggioranza del Four Seasons) al Sultano del Brunei che già avevano tentato di aggiudicarsi questa proprietà. Ma cosa c’è di così intrigante nel Casino dell’Aurora? C’è un’opera inestimabile, nientemeno che l’unico affresco esistente al mondo del Caravaggio, “il Camerino di Giove Nettuno e Plutone o Gabinetto Alchemico” (il suo valore è stimato pari a un terzo della proprietà) e numerose sale affrescate dal Guercino. Il Casino sorge su una collinetta fra via Veneto e Villa Medici, e sarà messo in vendita sulla base di una valutazione di 471 milioni di euro, ma l’offerta minima che il tribunale è obbligato ad accettare è di 353 milioni. Il suo valore ammonterebbe ad un quarto del budget annuale del nostro Ministero della Cultura. L’asta di oggi dovrebbe porre fine all’annosa disputa ereditaria di una delle più influenti e ricche famiglie aristocratiche d’Italia, i Ludovisi-Boncompagni, che in questa villa avevano stabilito la loro residenza romana. Il palazzo era di proprietà del 77enne principe Nicolò Boncompagni Ludovisi, ma alla sua morte, l’8 marzo del 2018, c’è stato uno scontro ereditario tra la terza moglie del principe, la texana Rita Jenrette Boncompagni Ludovisi – una pittrice 72enne che aveva posato anche per Playboy – e i figli nati dal primo matrimonio, ai quali lo stesso Nicolò aveva lasciato in dote parte dell’immobile. Uno stallo ormai insostenibile, anche perché il Casino dell’Aurora necessita di lavori di manutenzione e restauro non più rinviabili che gli eredi non possono sostenere: interventi a carico del futuro acquirente che ammontano a circa 11 milioni di euro. Questa vendita ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?