5 apr 2022

Le braccia corte del tirannosauro? Un modo per sfuggire ai morsi "amici"

Le minuscole zampe anteriori erano deboli e inutilizzabili, ma avevano un vantaggio: erano molto difficili da addentare

Il Tyrannosaurus rex, un gigantesco predatore dalle braccia core
Il Tyrannosaurus rex, un gigantesco predatore dalle braccia core

Le braccia corte e sproporzionate del Tyrannosaurus rex sono un enigma evolutivo che alimenta da tempo il dibattito scientifico, in parte anche per lo status iconico di cui gode il gigantesco carnivoro nell'immaginario popolare. Alcuni studiosi hanno ipotizzato che, per quanto minuscole, le appendici fossero in realtà delle affilate armi da taglio; per altri si trattava invece di un sostegno modesto ma prezioso per fare presa durante l'accoppiamento. Una nuova teoria pubblicata sul Acta Paleontologica Polonica azzarda tuttavia qualcosa di diverso, ossia che le ridottissime dimensioni degli arti anteriori riducessero il rischio di morsi accidentali da parte di altri T. rex affamati.

Semplicemente… inutilizzabili

Morso "amico"

In cerca di prove

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?