Abbey Road apre al pubblico. I leggendari studi londinesi dove i Beatles registrarono quasi tutto il loro materiale compiono 90 anni e i dirigenti hanno deciso che, durante la prossima estate e per una sola settimana, sarà possibile visitare le sale. L’iniziativa è stata battezzata “The Abbey Road: Open House” e si svolgerà dal 9 al 15 agosto. Jack Franklin, Head Of Events degli Abbey Road Studios, ha detto: "Come studi regolarmente in funzione, le porte normalmente sono chiuse; quindi avere l’opportunità di dare una rara occhiata all’interno del nostro edificio così speciale è una cosa elettrizzante". I tour dureranno novanta minuti. I biglietti d’ingresso costeranno 100 sterline, circa 116 euro.

L’edificio, costruito in stile georgiano, fu acquistato dalla multinazionale discografica Emi nel 1929; venne ristrutturato e inaugurato il 12 novembre 1931. Il 6 giugno 1962 il produttore discografico George Martin portò per la prima volta nello studio i Beatles, i quali avrebbero poi registrato qui assieme a lui, dal 1962 al 1969, circa il 90% del loro repertorio, prevalentemente nello Studio 2, e avrebbero intitolato il loro album del 1969 Abbey Road dal nome della via in cui sorgono gli studi: in quella stessa via, la mattina dell’8 agosto del ’69, venne scattata la celeberrima foto che compare sulla copertina di quell’album, con Macca a piedi scalzi.