Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
6 set 2021

Ariaferma, Toni Servillo fa il bis in carcere: "Straziante e umano"

Servillo da papà nel film di Sorrentino ad agente di custodia in “Ariaferma“. Davanti a lui Silvio Orlando, il “capo“ dei detenuti

6 set 2021
giovanni bogani
Magazine
. Toni Servillo (62 anni) e Silvio Orlando (64, a destra), sono i protagonisti del film Ariaferma diretto da Leonardo Di Costanzo
Toni Servillo (62 anni) e Silvio Orlando (64, a destra)
. Toni Servillo (62 anni) e Silvio Orlando (64, a destra), sono i protagonisti del film Ariaferma diretto da Leonardo Di Costanzo
Toni Servillo (62 anni) e Silvio Orlando (64, a destra)

Un Toni Servillo inedito. Per una volta, non così sicuro di sé, quasi beffardo, come eravamo abituati a vederlo in tanti film. Un Toni Servillo secondino di carcere, un carcere semivuoto, nel quale rimangono – per un kafkiano disguido burocratico – dodici detenuti. È lo spunto da cui si muove Ariaferma, il film di Leonardo Di Costanzo presentato fuori concorso alla Mostra del cinema di Venezia, e nelle sale italiane dal 14 ottobre. A bilanciare gli sguardi di Toni Servillo c’è Silvio Orlando, nel ruolo di un detenuto di lungo corso, un capo. Servillo, nella galleria di personaggi che ha interpretato questo sorprende: un funzionario dello Stato di decorosa, dimessa bontà… "Sì, è un personaggio lontano da altri che ho fatto. E mi ha permesso di allontanarmi dalla routine, costruendo un personaggio di cui mi affascinava la dimensione interiore. Un uomo che ha un conflitto molto forte tra l’esercizio del dovere e la compassione, la pietà, l’umanità. E credo che questo conflitto consegni al pubblico più di un motivo di riflessione". Che cosa è il tempo per un detenuto, e che cosa è per un agente di custodia? "È lo stesso strazio. Il tempo che condividono sorveglianti e sorvegliati ha la stessa natura straziata e straziante. Una condizione in cui possono impazzire gli uni e gli altri. Lo strazio è lo spreco del proprio tempo, senza capire il senso di quello che stai facendo e perché lo fai". Ha incontrato prigionieri o guardie carcerarie reali? "No, ma abbiamo fatto un gran lavoro, leggendo centinaia di testimonianze sui rapporti tra sorveglianti e sorvegliati. Sono felice di aver fatto questo film anche perché abbiamo ragionato molto su un tema così trattato, a volte anche abusato, dal cinema. E siamo riusciti a fare un cinema lontano dai luoghi comuni che il cinema ha ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?