Soprattutto grazie alla saga di 'Mission: Impossible' Tom Cruise ci ha abituato a film che sanciscono nuovi livelli di complessità nella realizzazione e a scene d'azione al limite del folle. Ora però sta cercando di alzare l'asticella come mai in precedenza: ha infatti unito le forze con il miliardario Elon Musk per girare il primo film di finzione mai realizzato nello spazio aperto, cioè là dove finora sono andati solo una manciata di astronauti e dove l'ambiente circostante è decisamente ostile alla vita umana. L'idea è di coinvolgere nel progetto Space X, compagnia di Musk, e la NASA.

Tom Cruise ed Elon Musk: il film realizzato nello spazio

I dettagli sull'operazione sono ancora molto fumosi. Non è detto che si tratti di un nuovo capitolo di 'Mission: Impossible' e non è chiaro se l'intero film sarà girato nello spazio oppure solo alcune sequenze. In ogni caso, la sfida è mostruosa e i costi di produzione, così come quelli di un'assicurazione, rischiano di essere insostenibili: la troupe di un film hollywoodiano è composta da decine di persone e i problemi logistici delle riprese farebbero venire il panico a qualunque produttore.

Del resto, se davvero Tom Cruise ed Elon Musk riuscissero nell'impresa, è facile pensare che il pubblico accorrerebbe in sala in massa. Una parte enorme del successo di 'Mission: Impossible - Fallout' (2018) è infatti stata dovuta al fascino di un attore che si cimenta con un lancio in paracadute HALO (roba riservata alle forze speciali) e in un inseguimento fra elicotteri, con tanto di speronate per fermare il fuggitivo. Incredibile, ma vero: entrambe scene che suonerebbero come un gioco da ragazzi, se confrontate con quelle realizzate nello spazio.

Si può fare veramente?

Ammettiamolo: l'idea è intrigante. Resta però il dubbio che un film di questo tipo sia effettivamente realizzabile e che possa essere fatto a costi ragionevoli, senza dover attendere incassi miliardari per guadagnare qualche dollaro.

Gli ultimi due 'Mission: Impossible', cioè 'Rogue Nation' (2015) e 'Fallout' (2018) sono costati rispettivamente 150 e 178 milioni di dollari, senza contare i costi di promozione e distribuzione. Gli incassi nelle sale sono stati soddisfacenti: 682 milioni il primo e 791 il secondo, che al netto di tutti i soldi spesi hanno fatto segnare un guadagno. Se però la capacità di Tom Cruise di attirare persone in sala può fare sperare in circa 800 milioni, quanto costerebbe produrre un film girato nello spazio?

Difficile dirlo con esattezza, ma a naso possiamo facilmente quadruplicare i budget di produzione: al momento, il prezzo medio di un volo commerciale nello spazio staziona attorno ai 200mila dollari a passeggero e non prevede di restare giorni in orbita. Qui parliamo di decine di persone che dovrebbero vivere 4-5 settimane nello spazio: il rischio di andare in perdita è alto, insomma. Poi, certo, resta il gusto di avere realizzato qualcosa di mai tentato prima e questo potrebbe comunque spingere Cruise e Musk a correre qualche rischio economico in più.

Leggi anche:
- Hellraiser, la serie TV in lavorazione per HBO
- Ridley Scott lavora a un film (o a una serie tv) sul Coronavirus
- Oscar 2021, potranno essere candidati anche i film non usciti al cinema