Immagine dal sito aigae.org
Immagine dal sito aigae.org

Roma, 16 aprile 2019 - Continua il periodo favorevole del turismo sostenibile outdoor, un comparto tuttora in crescita. Il territorio italiano, con le sue tradizioni, il paesaggio e i valori dell’enogastronomia e delle persone sono gli ingredienti che permettono a questo nostro Paese di offrire itinerari turistici di forte richiamo.

«È importante che anche le figure professionali deputate a lavorare nel settore dell’accompagnamento escursionistico in natura siano qualificate, formate e aggiornate», ha affermato Davide Galli, nuovo presidente nazionale delle Guide ambientali escursionistiche italiane AIGAE. «Da anni perseguiamo questo obiettivo grazie alle guide associate. Ma ora serve una legge nazionale che ribadisca quel che il mercato ha già confermato, dove i limiti operativi non siano determinati dal “dove ci trovi“ ma dal “come si accompagni“, è ormai necessaria non tanto per le guide stesse la cui professionalità è comunque garantita dalla preparazione attuale, ma per permettere alla filiera del turismo di avere una figura chiara di riferimento, riconosciuta, garantita che permetta all’utente finale, ai tour operator e alle agenzie viaggio di affidarsi al giusto professionista». 

Davide Galli, 47 anni, emiliano esperto in comunicazione e turismo ambientale, piacentino di origini e residente in Appennino a Bardi, in provincia di Parma, ha al suo attivo molteplici esperienze nel campo della promozione del territorio. Ha effettuato accompagnamenti escursionistici per vari tipi di pubblico in Italia, Spagna, nella Patagonia argentina e in Terra del Fuoco. Ha una  particolare esperienza nei cammini di più giorni e nei camp itineranti in autosufficienza per ragazzi. Da anni è guida specializzata, docente nei corsi professionali per guide sia a livello regionale sia nazionale, competente sui temi della prevenzione pericoli, sicurezza, nelle tecniche di conduzione e promozione. «Spero di essere all’altezza delle precedenti presidenze guidate da Stefano Spinetti prima e Filippo Camerlenghi», ha dichiarato Galli dopo l’elezione, in occasione dell’insediamento.