La mansarda è uno spazio versatile e dal grande fascino, che può essere facilmente sfruttato per differenti usi. Quando siamo in presenza di una casa piccola, un’ottima soluzione progettuale è quella di trasformare la mansarda in una camera da letto.

Arredare una camera da letto in mansarda non è difficile, ma per evitare errori nella scelta di mobili e complementi è importante non sottovalutare le diverse altezze.

Di seguito alcuni utili consigli per trasformare la mansarda in una camera da letto pratica e funzionale.

Per quanto riguarda il letto, optate per un modello non troppo imponente, meglio se dal design minimale e con una testata bassa, in questo modo risulterà più in armonia con l’ambiente. Solitamente il letto è collocato con la testata sulla parete più bassa, ma può essere disposto anche al centro della stanza, tutto dipende dalla dimensione dell’ambiente, dai mobili che si desiderano inserire e dal proprio gusto personale.

Abbinate al letto due pratici comodini, bastano anche due semplici mensole da fissare a parete, oppure due piccoli sgabelli.

L’armadio è un elemento indispensabile e la scelta del modello dipende dalla sua collocazione. Se avete la possibilità di sfruttare una delle pareti più alte, potete orientarvi verso un armadio standard con un’altezza minima di 2 metri, in caso contrario sarà necessario realizzarlo su misura sfruttando al meglio lo spazio a disposizione. La mansarda è piccola? Allora optate per un armadio con ante scorrevoli, in questo modo l’ingombro sarà ridotto.

Quando si arreda uno spazio mansardato la soluzione migliore è sempre quella di realizzare arredi su misura al fine di poter utilizzare anche i punti più bassi.
Nelle zona di gronda, di dimensioni più ristrette, armadi e cassettiere dovranno seguire l’altezza, la profondità e la pendenza del soffitto, mentre per le zone centrali dove non vi sono problemi di altezza, si potranno inserire mobili e complementi tradizionali.

Ecco alcune camere da letto mansardate da cui prendere idee e spunti.