Obelisco a Roma

 Quanti obelischi ci sono in Italia? E perché questo simbolo della cultura egizia è ampiamente presente nel nostro paese? Il monumento formato da un tronco di piramide, con in cima il cosiddetto pyramidion, sono di solito dei monoliti di origine egizia. Bizzarra la derivazione del loro nome, che in greco significa "spiedino".

Gli obelischi sono parte integrande dell'architettura egiziana: erano posti a coppie all'ingresso dei templi. Oggi ne sono rimasti 27 di quelli progettati originariamente nell'antichità: hanno resistito al passare degli anni, al tempo, alle guerre, all'usura, agli agenti atmosferici. Dei 27 antichi obelischi egizi che sono rimasti a testimonianza di un tempo che non c'è più, ben 15 si trovano in Italia.

A Roma sono presenti 9 obelischi, se non si considera quello del Vaticano, che provengono dall'Antico Egitto. Sono l'Obelisco di Agonalis in Piazza Navona, l'Obelisco di Dogali in via delle Terme di Diocleziano, l'Obelisco del Pantheon, l'Obelisco Flaminio in Piazza del Popolo, l'Obelisco Laterano, l'Obelisco Minerveo, l'Obelisco Matteiano, l'Obelisco del Quirinale, l'Obelisco Solare in piazza Montecitorio. Più l'Obelisco Vaticano che si trova in Piazza San Pietro.

Ma non solo Roma ospita antichi obelischi. Ne troviamo anche in altre località del bel paese: nel Giardino di Boboli a Firenze, l'Obelisco di Piazza del Duomo a Catania, l'Obelisco di Urbino, i due obelischi del Tempio di Iside a Benevento...

Mentre gli altri sono presenti in Egitto (5), nel Regno Unito (3), in Francia, Israele, Turchia e Stati Uniti d'America (1).

In Italia ce ne sono così tanti perché pare che gli antichi romani fossero innamorati di questo particolare monumento, che dovrebbe essere un omaggio al Dio del Sole, anche se altri studi rivelano la sua forma decisamente fallica e che l'obelisco non sia altro che una celebrazione dell'atto sessuale.