Giovedì, 6 settembre 2018 - Antichissima tradizione della Sardegna, la città di Luogosanto ci ripropone la Festa Manna di Gaddura. Giunta ormai alla sua 790esima edizione, si tratta della festa più antica della Gallura. Oltre a riti e processioni, vi attendono anche mostre, dibattiti e tour archeologici, grazie all’Università di Cagliari. A breve distanza dalle spiagge della Costa Smeralda, sorge uno splendido borgo circondato da granito e ingentilito da vigne, ginepri, lecci e fonti naturali: è Luogosanto.

Il borgo è famoso per le sue tradizioni religiose, che affondano le radici nella notte dei tempi: ha venti chiesette campestri, la Basilica di Nostra Signora di Luogosanto e l’Eremo di San Trano, una delle location più suggestive dell’intera Gallura, con una vista spettacolare che giunge fino alla Corsica. La Festa Manna di Gaddura vera e propria si tiene l’8 settembre, ma dal 30 agosto al 15 settembre sono tanti gli appuntamenti in calendario per celebrare degnamente questo evento.

Nei giorni di Novena che precedono la festa, si terranno messe cantate e processioni che terminano con “Lu ‘èsparu”. il 7 settembre. Inoltre nel giorno della vigilia, c’è il raduno e la sfilata delle bandiere religiose della Gallura, mentre al tramonto si svolgerà il Rito del Fuoco, una processione penitenziale con benedizione, accensione e offerta di ceri votivi alla Madonna.

Culmine della festa sarà l’8 settembre: tutto il paese sarà impegnato in una processione solenne, con tanto di confraternite religiose, cavalieri in costumi, banda musicale, gruppi folk e autorità civili e religiose. Non mancherà la tradizionale sfilata dei carri buoi e, alla fine, una messa cantata da gruppi polifonici e cori tradizionali “a tàsgia” di Aggius.

Tutte le sere sono in programma concerti, anche se segnaliamo in maniera particolare quello dell’8 settembre con Giusy Ferreri. Non mancheranno poi spettacoli teatrali, cabaret, musica folk, balli tradizionali in costume e anche animazione per i più piccini. Da non perdere anche le numerose iniziative culturali, tutte gratuite, fra cui la mostra fotografica di Nanni Angeli dal titolo “La ‘janna a lianti”, l’ArcheoTour con l’Università di Cagliari e lo spettacolo teatrale “La fisarmonica verde” con Andrea Satta.