Dedicate agli indecisi di Capodanno, a chi ancora non ha prenotato il luogo dove festeggiare l’arrivo del 2018, ecco alcune idee sulla neve.
Perché in montagna? Perché le località sciistiche della Penisola sono facilmente raggiungibili in auto e molte anche in treno o in bus, quindi non richiedono affannose ricerche di biglietti aerei in questi giorni (oltretutto con costi alle stelle).
E poi perché la neve piace a tutti, grandi e piccini, e questi ultimi in particolare saranno felicissimi della scelta. capodanno in montagna vuol dire sport “bianchi” ma non solo, c’è una serie di eventi ovunque davvero suggestivi, perfetti per brindare al 2018.
Abbiamo scelto località dove la natura la fa da padrona, fatte apposta per chi non cerca tanto la vita mondana quanto un’oasi di bellezza e relax per “ricaricarsi” prima della ripresa dell’attività lavorativa.

Nel Parco Nazionale del Gran Paradiso con le ciaspole

Come ogni inverno, il silenzio è calato sul Parco Nazionale Gran Paradiso: è scesa la neve, gli animali sono in letargo, l’aria si fa pungente, e le 5 vallate dell’area protetta sono avvolte da un’atmosfera quasi fiabesca. Il Parco sembra addormentato, ma l’apparenza inganna, perchè la vita continua a brulicare: basta solo saper osservare!
In questo caso, affidarsi agli esperti è la soluzione migliore: le guide del Parco conoscono infatti tutti i segreti della vita degli animali e della natura nel parco e sono pronti a condividerlo con tutti, grandi e piccini.
Magari per Capodanno, un evento da vivere davvero nella natura.
Sono due le iniziative proposte quest’anno, entrambe a Ceresole Reale, per vivere un Capodanno rustico, celebrato al chiarore delle stelle e del fuoco: romantico, ma non mieloso!
Racchette e champagne” è adatto a chi desidera salutare in modo originale -e sicuramente informale- l’arrivo del nuovo anno con una passeggiata sulle racchette da neve. Prima una gustosa merenda sinoira, poi un'escursione nella magia della notte ed infine un ricco brindisi intorno al falò in riva al lago di Ceresole!
Tutte le info: www.pngp.it/iniziative-del-parco/attivita-guide/racchette-champagne-2017-2018
Debutta quest’anno “Ciaspolando verso la mezzanotte”, sempre a Ceresole Reale: i partecipanti potranno fare gli ultimi passi del 2017 nella neve soffice dell'alta valle Orco, per attendere la mezzanotte, che si celebrerà con un brindisi attorno al fuoco, sotto la volta stellata.
Tutte le info: www.pngp.it/iniziative-del-parco/attivita-guide/ciaspolando-verso-la-mezzanotte-2017-2018.
Ma le gite con le ciaspole non sono solo a Capodanno.
La magia del tramonto sulle cime, i colori prima del buio, lo scricchiolio della neve, lo sguardo timido di un animale nascosto, il riflesso della luna: uno spettacolo fatto di cose minute, ma emozionanti, da godere sulle ciaspole, nell’ora magica del passaggio fra il giorno e la notte. E poi merende, visite, degustazioni, per conoscere tutti gli aspetti della natura e della cultura dell’area protetta più antica d’Italia!
Le ciaspolate si svolgono tutti i mercoledì dispari a Rhêmes Notre-Dame e tutti i mercoledì pari a Cogne, da dicembre 2017 fino a Pasqua 2018.
Tutte le info qui: www.pngp.it/winter-wonderland-passi-e-sensazioni-al-crepuscolo e www.winterwonderland.it/

Tornano dopo il grande successo dello scorso anno i trekking fotonaturalistici. L’appuntamento invernale si terrà in Valsavarenche e consentirà di scoprire le selvagge vallate del Parco Nazionale Gran Paradiso e di esplorare un ambiente di montagna unico nel suo genere. Accompagnati dal fotografo naturalista Alberto Olivero e dagli esperti guardaparco del PNGP, i partecipanti potranno osservare e comprendere le tante sfaccettature dello scenario mozzafiato in cui ci si muove. Un'occasione imperdibile per approcciarsi alla natura e alla fotografia.
Tutte le info qui: www.pngp.it/trekking-fotonaturalistici-inverno-valsavarenche-2018

Gli occhi del lupo” e “Neve e leggende al chiaro di luna” sono le attività pensate per chi, oltre al piacere di ciaspolare, vuole immergersi nella cultura e nella natura del Parco, sperimentando l’emozione di percorrere gli stessi sentieri dei più amati predatori del Parco Gran Paradiso, conoscendone segreti ed abitudini, o di conoscere i racconti e le leggende sui misteri delle montagne. Entrambe le escursioni si svolgono a Rhêmes Notre Dame, nel versante valdostano del PNGP.
Info: www.pngp.it/iniziative-del-parco/attivita-guide/gennaio-sulla-neve-con-naturalp-2018

Il 30 dicembre è in programma “Piccoli in ciaspola” (Rhêmes Notre Dame) per insegnare ai ragazzi (dai 6 agli 11 anni) a muoversi sulla neve e in natura sin da piccoli, a correre, a saltare sul manto soffice, a cadere e a rotolare spiando gli animali del Parco.
Info qui: www.pngp.it/iniziative-del-parco/attivita-guide/dicembre-sulla-neve-con-naturalp-2017 e qui www.pngp.it/iniziative-del-parco/attivita-guide/gennaio-sulla-neve-con-naturalp-2018

Valle Isarco

In Valle Isarco (Alto Adige), la stagione nelle 5 stazioni sciistiche Colle Isarco-Ladurns, Racines-Giovo, Vipiteno Monte Cavallo, Gitschberg-Jochtal (Maranza-Valles nell’area vacanze Rio Pusteria), Bressanone Plose, è in pieno svolgimento su tutti i 151 km di piste, accompagnata da eventi speciali ed esperienze sulla neve, tra cui alcune veramente nuove all’insegna del binomio sci ed enogastronomia, in sintonia con la speciale vocazione della zona.
A cominciare dalle manifestazioni di San Silvestro e Capodanno, e questa è un po’ una piacevole novità, perché di solito in montagna, a parte i cenoni di hotel e ristoranti spesso già esauriti, non sono poi tanti gli eventi pubblici. In Valle Isarco invece ci saranno veglioni nelle piazze, con fuochi d'artificio, specialità gastronomiche e accompagnamento musicale.

In piazza del Duomo a Bressanone, nell'ambito del Mercatino di Natale, il 31 sera ci saranno spettacolari fuochi di artificio; suonerà il DJ Enzo Morgan.
In Piazza Città di Vipiteno, sempre al Mercatino, si aspetta mezzanotte con dj set e stand gastronomici.
Nella cittadina di Chiusa la Festa di San Silvestro vedrà come protagonista la musica: "Un viaggio musicale nel tempo". Il centro storico, da piazza Tinne a piazza Mercato, si trasformerà a partire dalle 20 in una grande pista da ballo: rock anni '70, classici anni '80, techno anni '90 ed elettronica contemporanea.
Il 1 gennaio 2018 si festeggia invece ‘sugli sci’ a Racines e alla stazione a valle degli impianti con grandi fuochi d'artificio, fiaccolata, sci d'altri tempi, discoteca all'aperto e prelibatezze gastronomiche.

In questo periodo la stagione sciistica è entra nel vivo… Le 5 stazioni sciistiche della Valle Isarco, Ladurns, Racines-Giovo, Vipiteno-Monte Cavallo in Alta Valle Isarco, Gitschberg-Jochtal (Maranza-Valles), dove quest’anno è stata aperta una nuova pista da slittino dalla Gitschhütte fino alla stazione intermedia della cabinovia Nesselbahn, e Plose, entrambe nel circuito Dolomiti Superski, hanno le loro specificità e caratteristiche molto favorevoli che ben si integrano fra loro: altitudine ed esposizioni ideali, sole, apertura panoramica, ampi plateau per lunghe piste facili, ma anche piste impegnative, aree protette e separate con fun park per bimbi e scuole sci specializzate e certificate, prezzi ragionevoli, decine di baite con gastronomia di alta qualità ecc. Ma andare a sciare oggi non è solo divertirsi su e giù per le piste, è un’esperienza più completa che permette di approfondire gli aspetti più autentici del territorio. Anche d’inverno, si può scoprire l’anima più profonda della Valle Isarco, attraverso i suoi tesori agroalimentari e l’esperienza dei suoi produttori.
Fino al termine della stagione, ci sono diversi pacchetti sciistici e ricettivi tra cui scegliere in tutte e 5 le località:
www.valleisarco.com

Val Gardena

Per il Capodanno in Val Gardena il programma è particolarmente denso: il 31 dicembre appuntamento a Ortisei alle ore 18.15 per la suggestiva Fiaccolata di Capodanno. A seguire, dalle ore 19, via libera alla Festa di Capodanno, tra luci e colori, con il simpatico intrattenimento musicale di DJ Ondy, interrotto solamente dal bellissimo spettacolo pirotecnico e, ovviamente, dal brindisi di mezzanotte. A Selva Val Gardena, invece, i festeggiamenti inizieranno alle ore 22. Le piazze di tutti i paesi saranno invase da tante persone unite dal medesimo spirito festoso: per avere la possibilità di partecipare alle feste di tutte e tre le località (partyhopping), sarà a disposizione un nightbus fino alle ore 4 del mattino. 

Il primo giorno del 2018 alle ore 21.30, l’appuntamento è a Selva Val Gardena per la Fiaccolata di Capodanno, accompagnata da un meraviglioso spettacolo pirotecnico. Sempre il 1 gennaio, a Ortisei, Marion&Gregor saranno al Mercatino di Natale per divertire gli ospiti con il loro intrattenimento musicale. Infine, il 2 gennaio, sarà la Scuola di Sci di Santa Cristina a inaugurare il nuovo anno con un Laser Show e una Fiaccolata, accompagnati da musica e dall’immancabile vin brulé.

E per chiudere il periodo delle feste, dal 15 al 19 gennaio 2018 a Ortisei torna l’appuntamento con l’Esposizione delle Sculture di Ghiaccio, organizzato dall’Associazione Turistica di Ortisei in collaborazione con la Scuola Professionale per l’Artigianato Artistico di Ortisei. Si tratta di un vero e proprio Concorso, giunto alla XIV edizione, che premia le sculture di ghiaccio più belle, che resteranno in mostra…finché le temperature lo consentiranno! La premiazione avrà luogo venerdì 19 gennaio alle ore 17.
Le Feste di Natale sono un’occasione unica per “vivere” la Val Gardena anche attraverso i suoi seguitissimi “social” come www.facebook.com/VGardena o www.twitter.com/VGardena.
A disposizione di tutti anche i siti www.dolomitesa

Val Venosta

In Val Venosta ci sono tanti buoni motivi per festeggiare! Musica dal vivo, specialità culinarie con menù speciali offerti da bar e ristoranti e fuochi d’artificio per dare il benvenuto al 2018.
In particolare a Silandro, il gruppo dell'Alto Adige "Mainfelt" organizzerà un concerto di Gala di Capodanno presso la casa culturale Karl Schönherr di Silandro. Successivamente si terrà l’Aftershow Party. Ingresso: 20,00 euro.

Dal 23 dicembre poi è partita una importante iniziativa dedicata a tutti gli appassionati del mondo neve: con “skiarena due paesi” si potrà accedere non solo ai 5 comprensori venostani (Belpiano, Malga San Valentino, Watles, Solda all’Ortles, Trafoi all’Ortles), ma sarà possibile raggiungere anche la stazione sciistica austriaca di Nauders utilizzando un solo skipass. Il comprensorio di Nauders si trova ad una altitudine compresa tra i 1.400 e i 2.850 mt e dispone di 75 km di piste sempre perfettamente innevate. Con i suoi 13 impianti di risalita e i molti percorsi, con diverso grado di difficoltà, è l’ideale per sciatori grandi e piccini e per snowboarder grazie allo snowpark. (www.venosta.net/skiarena-due-paesi).
Gli amanti dello sci, snowboard e slittino avranno quindi a disposizione ben 211 km e 6 aree sciistiche per un divertimento assicurato: da Nauders al Passo Resia sino a Solda. I biglietti, previsti con diverse formule dal plurigiornaliero, allo stagionale sino al family sono acquistabili sia nei comprensori venostani che in quello austriaco. E non solo…
La Val Venosta offre diverse alternative allo sci per chi ama la neve, ma vuole cimentarsi in sport alternativi. Tra le varie attività il pattinaggio in velocità e lo snowkiting praticabili presso il Lago Resia oppure arrampicate sulle torri di ghiaccio e cascate ghiacciate situate tra la Val Martello e Vallelunga. Per chi ricerca un contatto slow con la natura si possono fare suggestive ciaspolate alla scoperta dei sapori e delle tradizioni venostane ammirando la montagna più Alta dell’Alto Adige, il famoso Ortles. Inoltre,escursioni a piedi lontani dalla neve nella su Monte Sole.

Val di Sole

Capodanno in Val di Sole vuol dire scoprire tradizioni autentiche e l’accoglienza di una località che punta all’essenza, al cuore delle cose. Questo periodo diventa perciò l’occasione per condividere giornate divertenti sulla neve nei tre comprensori, Folgarida, Marilleva e Pejo, gustare pranzi e cene in rifugio accolti dal tepore del camino e vivere esperienze intensamente emozionanti.
Per entrare nel nuovo anno in grande stile, a fine dicembre non mancano le fiaccolate con i Maestri di Sci in tutte le aree della Val di Sole e i cenoni nei rifugi in quota, con il trasporto assicurato dai gatti delle nevi o dalle motoslitte. Una menzione speciale merita il Capodanno organizzato presso il Rifugio Passo Paradiso (2585 metri di quota), che si raggiunge con la telecabina dal Passo Tonale: a picco sul comprensorio sciistico Adamello Ski, offre una vista unica. L’appuntamento più originale è la ciaspolata notturna con panettone e brindisi di mezzanotte organizzata il 31 dicembre dal Parco Nazionale dello Stelvio in Val di Peio ed in Val di Rabbi, circondati dal silenzio incantato della natura.
In Val di Sole gli ospiti possono scegliere tra diverse aree, ognuna con le sue caratteristiche e con il suo pubblico di riferimento.
Per i più dinamici ci sono Folgarida e Marilleva, un autentico paradiso per gli amanti dello sci alpino come dello snowboard/free-style, comodamente raggiungibile con il treno Dolomiti Express. In tutto, 25 moderni e veloci impianti di risalita che servono 36 piste da sci per complessivi 62 km, completi di piste illuminate per lo sci in notturna. Molto apprezzato dagli sciatori il collegamento "sci ai piedi" con Madonna di   ampiglio e Pinzolo, che apre le porte della SkiArea Campiglio Dolomiti di Brenta, Val di Sole Val Rendena, con 150 Km di piste tutte collegate e utilizzabili mediante un unico Skipass. Ampio il ventaglio di strutture ricettive, locali e rifugi che si affacciano direttamente sulle piste. 

Pejo, la più antica stazione turistica della Val di Sole, è più adatta alle famiglie e ai bambini, con lunghe piste che scendono verso il paese, al turismo slow con le ciaspole e ai soggiorni wellness, per via delle famose terme. Nel cuore dello storico Parco Nazionale dello Stelvio si vivono grandi emozioni, come la discesa della pista Val della Mite, raggiungibile con la nuova funivia PEJO 3000: un tuffo lungo 4 km in uno scenario impareggiabile, con partenza dai 3000 metri di quota ed arrivo ai 2000 metri della località Tarlenta. Al di là dello sci, chi vuole immergersi nella suggestiva natura invernale può provare le escursioni con le “ciaspole” ai piedi, organizzate dal Parco Nazionale dello Stelvio e dal Parco Naturale Adamello Brenta di giorno e di notte, al chiaro di luna e con luci frontali.

Pontedilegno-Tonale

Nel comprensorio Pontedilegno-Tonale a fine dicembre e inizio gennaio, le fiaccolate illumineranno i paesaggi innevati grazie ai maestri di sci che disegneranno sulle piste incredibili figure di luce.
Coreografie proposte sugli sci e accompagnate anche da spettacoli pirotecnici. Da non perdere quella a Temù il 28 dicembre, al Tonale sulla pista Alpe Alta il 30 dicembre, a Ponte di Legno il 31 dicembre e sempre al Tonale, sulla pista Paradiso il 5 gennaio. Non mancheranno le feste notturne nelle piazze per Capodanno, con musica e animazione.

Dal 29 dicembre al 6 gennaio a Temù, le strade del centro storico saranno animate dai Tabià de Nadal, tradizionali mercatini di Natale inseriti negli angoli più suggestivi del centro storico, con l’immancabile vin brulé, degustazioni dei prodotti tipici del territorio, musica, intrattenimento e area dedicata ai bambini. Si potranno trovare i prodotti tipici del Natale: dai dolci agli addobbi, dai biscotti alle piccole idee regalo, dalle bambole in pezza alle candele, dalle statue di legno agli oggetti in vetro e ceramica.

Per gli amanti dello sci di fondo, un appuntamento da non perdere è quello dei Campionati italiani sci nordico che si terranno il 13 e 14 gennaio a Vermiglio; gli appassionati di ciaspole (qui però le chiamiamo “caspole”!) potranno invece partecipare alla “Caspobles” il 21 gennaio a Vione (numerose sono anche le ciaspolate sia diurne sia notturne che vengono organizzate durante tutto il periodo invernale).

La ciaspolata notturna clou di tutta la stagione si terrà il 27 gennaio a Vezza d’Oglio: si tratta della 18° edizione della “CASPOLADA AL CHIARO DI LUNA”. Il chiarore quasi magico della luna, il calore emanato dalle numerose fiaccole e falò lungo tutto il percorso, il silenzio maestoso della montagna rotto a tratti dal vociare festoso della gente, gli scenari suggestivi che si aprono ad ogni passo fanno di questo evento un’esperienza da non perdere e un appuntamento denso di forti emozioni. La Caspolada 2018 ospiterà al suo interno il raduno invernale dei gemelli d’Italia, promosso dalle gemelle Laura e Silvia Squizzato, noti volti della Rai, che saranno le presentatrici ufficiali dell’evento.
scaricando l’applicazione dedicata.
Info www.pontedilegnotonale.com.

gloriaciabattoni@gmail.com