Il canto delle balene potrebbe scomparire a causa delle navi - foto neta degany istock
Il canto delle balene potrebbe scomparire a causa delle navi - foto neta degany istock

L'inquinamento acustico degli oceani lascia le balene "senza parole". A documentarlo è uno studio pubblicato sulla rivista PLOS ONE, secondo cui i rumori prodotti dalle navi infastidiscono le megattere a tal punto da farle smettere di cantare.


SENTI CHI CANTA
La ricerca, che ha visto in prima linea la Ogasawara Whale Watching Association e la Hokkaido University, è stata condotta tra febbraio e maggio 2017, a largo dell'arcipelago giapponese delle isole Ogasaware. Qui i ricercatori hanno utilizzato due registratori subacquei per origliare le esibizioni canore delle megattere, i cui vocalizzi, che sono una prerogativa degli esemplari maschi, possono durare diverse ore anche a grandi profondità.


IL SILENZIO DELLE MEGATTERE

Al pari delle balene propriamente dette e delle balenottere, le megattere emettono suoni a bassa frequenza, che, a detta degli autori, possono scontrarsi con i rumori prodotti dalle grosse imbarcazioni. Le registrazioni forniscono nuove prove in tal senso: ogni volta che passava una nave, le megattere nell'arco di 1200 metri tendevano a smorzare il proprio canto o a interromperlo del tutto. Nella maggior parte dei casi i silenzi duravano fino a 30 minuti dopo il transito della nave.


RUMORE UGUALE STRESS

Alla luce dei dati raccolti, i ricercatori hanno concluso che l'inquinamento acustico rappresenti un fattore di stress capace di alterare il comportamento canoro delle megattere. Le conseguenze sul lungo periodo rimangono ancora tutte da chiarire: il canto è infatti un forma di linguaggio molto complessa, che sembra svolgere un ruolo chiave soprattutto per l'accoppiamento e per il foraggiamento.


LEGGI ANCHE:

- Anche le balene vanno in menopausa

- Le balene dell'Artico cantano a ritmo di jazz

- https://www.quotidiano.net/benessere/animali/animali-giappone-balene-1.3567116La crudeltà della caccia alle balene