Gli aeroporti che pensano al benessere dei passeggeri
Gli aeroporti che pensano al benessere dei passeggeri
La vecchia idea dell'aeroporto come "entro, corro al gate, mi annoio, faccio la fila e parto" è superata. Sempre più scali ormai offrono ogni genere di amenità per alleviare le pene del viaggiatore, fra negozi, posti dove mangiare e lounge per tutte le tasche.

E anzi, molti vanno ancora oltre aggiungendo al pacchetto accorgimenti per coccolare gli ospiti: sapevate per esempio che l'aeroporto di Francoforte ha delle stanze dedicate allo yoga e una quiet room isolata per concedersi una pausa meditativa lontano dal caos?

Il portale di viaggi Netflights ha passato in rassegna 25 degli scali internazionali più trafficati valutandoli in base alle soluzioni adottate per garantire il benessere fisico e mentale del viaggiatore, stilando una classifica dei più "salutari".

BENESSERE IN AEROPORTO
La ricerca ha assegnato per ogni aeroporto un punteggio da zero a tre in merito a diverse categorie: spa, corsi di yoga, spazi per il riposo, posti per la meditazione, palestre, spazi verdi o all'aperto, sale di preghiera, possibilità di farsi fare un massaggio e, curiosamente, piste da corsa (approfondiremo queste ultime fra qualche riga). Il punteggio massimo, quindi, può arrivare a un totale di 27.

GLI SCALI PIÙ SALUTARI
Il primo della lista risulta essere appunto Francoforte sul Meno a quota 21 punti, attrezzato di tutto punto per garantire ai passeggeri un transito piacevole e a prova di stress (gli mancano solo le palestre e la pista da corsa). Seguono sul podio l'aeroporto di Amsterdam-Schiphol con 20 e quello di Dubai con 19.

Subito dietro ecco poi lo Changi Airport di Singapore, destinato però a scalare una futura classifica quando in aprile inaugurerà il fantasmagorico Jewel, una nuova area che integra uno shopping center con un vero e proprio parco coperto, dotato di passerelle sospese sul verde, una cascata di 40 metri e un labirinto di siepi.

Resta da risolvere il mistero del fattore "pista da corsa". L'unico premiato in questa categoria è il Narita di Tokyo, che in uno dei suoi terminal presenta delle corsie colorate sul pavimento, simili appunto a quelle di una pista da corsa, che guidano i passeggeri in giro per l'aeroporto. Non si corre davvero, quindi, ma sembra che la trovata renda più gradevole camminare fino ai gate rispetto ai soliti, asettici corridoi tutti uguali.

Qui potete vedere la classifica completa.

Leggi anche:
- Cani e gattini in aeroporto contro lo stress dei passeggeri
- Il robot che ti assiste in aeroporto e ti accompagna al gate
- Nel 2040 prenderanno l'aereo 21 miliardi di passeggeri